Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:22 METEO:AREZZO11°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 01 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cinema, addio a Paolo Taviani

Attualità sabato 12 marzo 2022 ore 19:20

Col Covid quadruplicate le aggressioni ai sanitari

Questo il dato del 2021 nella Sud Est rispetto al 2020. Vittime soprattutto gli infermieri: 57,7/%. Oltre l'80% degli episodi contro donne



AREZZO E PROVINCIA — Nel solo 2021 sono stati segnalati, nella Asl Toscana sud est, 128 episodi di aggressione, un numero quasi quadruplicato rispetto all’anno precedente. Un aumento che secondo l'Azienda è probabile sia correlato all'emergenza Covid, che ha portato varie restrizioni e un diffuso disagio psicologico ed emotivo, sia nei pazienti e loro familiari, sia tra gli operatori sanitari.

I dati sono diffusi proprio oggi, 12 marzo, in quanto si celebra la prima “Giornata Nazionale contro la violenza sugli operatori sanitari”.

Tra gli episodi di violenza segnalati lo scorso anno: nel 23% dei casi si è trattato di violenza fisica e nel 77% di violenza verbale. Nella maggior parte dei casi le vittime sono stati infermieri (57,7%) e, dato importante è che oltre l'80% di questi eventi riguardano le donne. 

L'Azienda ha messo a disposizione un sostegno psicologico allo sportello d’ascolto per le vittime di violenza e aggressione.

Si tratta di dati, in linea con quelli nazionali, frutto di un monitoraggio realizzato attraverso un questionario specifico per operatori del pronto soccorso e di altre strutture aziendali, e purtroppo sono solo una minima parte rispetto a quelli che realmente si verificano giornalmente nei presidi sanitari. Da questo monitoraggio emerge anche che la percezione del rischio di aggressione è più elevata nelle donne che lavorano in sanità, che manifestano maggiori timori di incorrere in situazioni potenzialmente pericolose. 

Oggi l'Asl Toscana sud est, soprattutto, "vuole rinsaldare l’alleanza tra sistema sanitario e cittadini quale unica strada da percorrere per mantenere gli alti livelli di assistenza e cura che sono stati raggiunti e ringraziare tutti coloro che, pur in questa difficile fase, hanno confermato la fiducia nei servizi, nel rispetto e nella stima reciproca con gli operatori".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno