Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO19°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 13 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Fumo in cabina: paura sull’aereo American Airlines per un portatile che ha preso fuoco
Fumo in cabina: paura sull’aereo American Airlines per un portatile che ha preso fuoco

Attualità lunedì 27 aprile 2020 ore 14:52

Confesercenti, "Piccole imprese dimenticate"

Mario Checcaglini, direttore Confesercenti

Landini e Checcaglini bocciano il decreto sulle riaperture e ricordano come il rischio contagio sia inferiore nei negozi rispetto alle fabbriche



AREZZO — Confesercenti valuta "inutile" il decreto sulle riaperture del 4 maggio, annunciato ieri sera da Conte. 

Il direttore Mario Checcaglini e il presidente Mario Landini sottolineano come siano stati commessi grossolani errori e la mancanza di coraggio da parte del governo.

Si tratta di un provvedimento - afferma Mario Checcaglini - che riguarda solo ed esclusivamente le industrie senza tener conto del vasto mondo del commercio, dei pubblici esercizi, della ristorazione, dei servizi e del settore degli ambulanti. Le piccole e medie imprese sono state dimenticate. Peraltro, si dispone la chiusura fino al 18 maggio per tutto il commercio e fino al 31 maggio per i pubblici esercizi senza indicare, contemporaneamente, le misure di sostegno alle imprese”.

Proprio sul tema degli aiuti promessi e non erogati alle aziende si sofferma il presidente Confesercenti, Mario Landini che sottolinea come non sia stato considerato chi si trova a casa senza reddito e prospettiva.
"La Toscana è più avanti di altre regioni nel contenimento del Coronavirus. Avremo potuto quindi essere il luogo dove poter iniziare a riaprire le attività. Peraltro riteniamo che i negozi non siano da considerare luoghi dove ci sono maggiori possibilità di diffondere e contrarre il virus. Riteniamo che il rischio sia più elevato proprio tra i lavoratori magari all’interno delle fabbriche a causa della vicinanza. Con il provvedimenti si mantiene un clima non di contenimento dell’emergenza ma di paura”.

Per il direttore e il presidente di Confesercenti non devono essere sottovalutati i problemi di salute ma occorre, allo stesso tempo, prendere in seria considerazione la situazione economica delle famiglie.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno