Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:59 METEO:AREZZO16°31°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord: ritorno al 1950? Putin consacra la “monarchia rossa”

Politica mercoledì 03 agosto 2022 ore 10:10

Cosa chiedono i giovani aretini alla politica

Futuro Aretino si fa avanti in vista del voto del 25 settembre e pone l'accento sulla necessità di una università tutta locale, non più distaccamento



AREZZO — "Troppo spesso l'istruzione in questo Paese è stata materia sottovalutata. Ancor più se si pensa che esistono province come quella di Arezzo, che conta più di 340mila abitanti, quarta tra le province toscane per popolazione ed estensione territoriale, che hanno nei distaccamenti di altre università - seppur prestigiosissime, come l'Università di Siena nel caso aretino - il massimo dell'offerta formativa. È impensabile ad oggi fare richieste assurde come la costituzione di nuovi atenei o la creazione di bandi ad hoc come quello per le private messo in piedi nel 2020, ma quanto meno - e sotto elezioni sarebbe il caso di parlarne - dovrebbe essere argomento sentito e discusso da tutti, un argine alla dispersione studentesca e giovanile che da anni allontana da Arezzo e dalla sua provincia eccellenze, giovani volenterosi, risorse fondamentali per quel ripensamento globale del territorio che è necessario e la cui evidenza è sotto gli occhi di tutti".

E' questa la lunga introduzione che l'associazione Futuro Aretino fa in merito alla richiesta principale che rivolge alla politica in vista delle elezioni del 25 settembre e quindi ai candidati alla camera e al senato che si proporranno dal nostro territorio.

"Giovani laureati, giovani studenti, formati in università o in poli di formazione come quelli che sono stati realizzati in tantissime altre realtà ben più 'piccole', con il dovuto rispetto, di Arezzo, darebbero nuova linfa a una città sempre più immobile. E che invece necessita di una scossa, di un ricambio generazionale che sia in grado di formare una nuova classe dirigente che guardi al futuro e al presente, valorizzando le peculiarità di un territorio che ha radici profonde ma che deve, volente o nolente, adeguarsi e adattarsi ai nuovi orizzonti che la tecnologia, l'informazione, la programmazione, la promozione richiedono" proseguono i giovani del gruppo.

"È un peccato che una città come Arezzo, ricca di risorse e di sana imprenditoria, non riesca a sedersi a un tavolo per studiare una soluzione fattibile, che possa mettere insieme forze nuove e interessate, che possa chiedere chiarimenti anche a livello nazionale sulle possibilità da sfruttare.
Arezzo merita il meglio per il suo futuro, e i giovani aretini meritano di poter scegliere se rimanere o meno nella proprio città natale. Sarebbe ingiusto chiedere l'impossibile; ma è lecito, anzi, doveroso, chiedere che ogni sforzo venga fatto per arrivare quanto meno a discutere del possibile" termina Futuro Aretino.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno