Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:AREZZO19°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa

Attualità lunedì 05 ottobre 2020 ore 17:55

Covid, "Non serve chiudere prima i locali"

La posizione di Confcommercio in attesa del nuovo decreto governativo. Marinoni: "Meglio più controlli"



AREZZO — Più controlli sui protocolli di sicurezza, perchè “anticipare la chiusura serale di ristoranti, bar e pizzerie non servirà a fermare il Covid-19". 

A dichiararlo è Franco Marinoni, direttore di Confcommercio Toscana, mentre a Roma il Governo ventila l’ipotesi un nuovo Dpcm contenente misure più restrittive per combattere la pandemia, compresa la chiusura anticipata dei pubblici esercizi alle 23 o addirittura alle 22. 

“Le imprese in questi mesi hanno già pagato abbastanza le difficoltà derivanti dalla crisi sanitaria. Lo hanno fatto stringendo i denti con spirito di sacrificio, sapendo che serviva l’impegno di tutti per contrastare i contagi. Così, dopo i mesi di chiusura forzata, con il personale ancora in parte in cassa integrazione, si sono dati da fare investendo energie e denaro nell’applicazione dei rigidissimi protocolli sanitari messi a punto dalle autorità. Tutto pur di tornare a lavorare. E continuano a tenere alta la guardia, per salvaguardare la sicurezza di clienti e collaboratori, perché nessuno ha interesse ad ammalarsi”, prosegue Marinoni.  

Decidere la chiusura serale anticipata dei locali addirittura alle 22, secondo Marinoni, significa "cancellare la parte forse più cospicua del loro fatturato, ma soprattutto significa consegnare il rito della cena fuori con gli amici al mondo dell’abusivismo. Perché è prevedibile che prolifererà l’offerta di cene private organizzate da questo o quello in ambienti di certo non controllati né controllabili come quelli dei pubblici esercizi”. 

L’unica soluzione secondo Marinoni "è spingere sui controlli e verificare che tutti gli operatori rispettino le norme sanitarie in vigore. Per il resto, il Covid non fa differenza di orari: se posso consumare la mia cena alle ore 20 in un ristorante sicuro e certificato, nel rispetto di tutte le regole, posso farlo anche alle 22”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno