Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:26 METEO:AREZZO10°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Joe Biden: «Donald Trump è un dittatore, vuole vendetta»

Attualità sabato 04 aprile 2020 ore 11:52

Crisi nera per metalmeccanica, oro e moda

Edi Anasetti, direttore Cna Arezzo

L'allarme della Cna di Arezzo. In un mese 1177 aziende hanno attivato il Fondo di Solidarietà Bilaterale dell'Artigianato. Sprofonda l'edilizia



AREZZO — Crisi economica. Il blocco pressoché totale delle attività per la pandemia sta presentando il conto. Il mondo dell'artigianato è pesantemente gravato da questa situazione e le prospettive per l'immediato futuro non appaiono rosee. 

“Sono risparmiate solo alcune attività essenziali che operano a servizio ridotto – osserva Edi Anasetti, direttore Cna Arezzo - molte delle quali con fatturati vicino allo zero

Dal 9 marzo ad 2 aprile sono state 1177 le aziende che hanno attivato il Fondo di Solidarietà Bilaterale dell’Artigianato per un totale di 5531 dipendenti.

Ma non stiamo parlando di un bilancio definitivo – prosegue il direttore Cna - I segnali lasciano intendere, sulla base degli accordi di integrazione salariale ancora in sospeso, che si arriverà a circa 1300 accordi di qui alla prossima settimana. Numeri che sono andati progressivamente crescendo per effetto dell’emergenza sanitaria e delle chiusure per decreto: basti ricordare che a fine febbraio erano quasi 50 gli accordi sottoscritti, comunque già più del doppio dello stesso periodo dell'anno precedente. E va detto che stiamo commentando dati solo degli ultimi 20 giorni”.

Al primo posto la metalmeccanica (29% degli accordi), al secondo si posizionano oro e moda, tre settori chiave dell’economia provinciale e dell'export aretino (43%), seguono acconciatura ed estetica (20%) a serrande chiuse dal 12 marzo, il restante 8% comprende chimica, legno, lapidei e trasporto.

Pesante anche il quadro dell’edilizia, settore già pesantemente ridimensionato da una crisi che si protrae da un decennio: l’osservatorio Cna Arezzo registra in soli 8 giorni (dal 25 marzo al 2 aprile) l’attivazione della cassa integrazione ordinaria covid 19 per 67 imprese che occupano 335 addetti. Il territorio più colpito è il Valdarno con 25 accordi, seguito da Arezzo con 17 e dalla Valdichiana con 11 accordi.

Anche per la piccola e media industria i numeri Cna degli ultimi 8 giorni sono in crescita: 75 ricorsi alla cassa integrazione ordinaria che hanno coinvolto 2227 dipendenti. Anche in questo caso i più colpiti la metalmeccanica (41%), gli orafi (29%), il tessile abbigliamento calzature alla pari col settore trasporti (totalizzano il 25%).

Dal primo aprile è attiva la Cassa integrazione in deroga per le aziende non coperte da forme di integrazione salariale ordinarie o da fondi di solidarietà alternativi.

Le risorse per la Toscana ammontano a oltre 144 milioni di euro ma già si stimano sufficienti solo in una prima fase – dichiara il direttore Cna. 

E intanto per combattere l’attesa impennata della disoccupazione affrontare il rischio recessione innescato dalla emergenza, dall’Europa arriva il primo strumento anti crisi: il fondo europeo contro la disoccupazione di 100 miliardi per finanziare le casse integrazioni o schemi di protezione dei posti di lavoro come forme di riduzione dell'orario.

Accanto alle misure di sostegno all’occupazione, restano più che mai urgenti le esigenze finanziarie delle imprese. L’emergenza è assicurare liquidità alle imprese, per coprire la distanza temporale tra i costi, che continuano a correre, e i ricavi che potrebbero riprendere, tra mille difficoltà, solo nei prossimi mesi”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno