Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Attualità mercoledì 16 novembre 2016 ore 15:52

"Direttori e operatori non hanno colpe"

Maurilio D'Angelo, avvocato First Cisl

Sulla vicenda Banca Etruria interviene Maurilio D'Angelo, avvocato della First Cisl. Che aggiunge: "I controlli erano fatti dai vertici"



AREZZO — Maurilio d’Angelo, avvocato della FIRST-CISL, fa chiarezza sullo stato dell'arte della vicenda Banca Etruria anche a seguito delle copiose notizie che, in questi ultimi giorni, stanno riempiendo le pagine del l'informazione.

"Come già dichiarato più volte in altrettante situazioni, in qualità di legale che rappresenta numerosi lavoratori FIRST CISL, ribadisco che i direttori di filiale o gli operatori sottoposti ad indagine non hanno alcuna responsabilità rispetto ai danni subiti dai consumatori. Nelle memorie che abbiamo depositato fra maggio e giugno di quest'anno, è chiaramente evidenziato che il ruolo di controllo rispetto alla emissione, alla adeguatezza ed alla appropriatezza dei titoli obbligazionari è sempre appartenuto agli organi di vertice e di alta amministrazione di Banca Etruria. 

Analogamente il controllo periodico era esercitato dal comitato prodotti e dal risk management. Ciò ha trovato riscontro non solo nella copiosissima documentazione fornita agli organi inquirenti, ma anche nell'avvio del procedimento della Consob, che ha inviato una specifica contestazione ai sensi del testo unico finanziario, solo agli organi di vertice evidenziando che solo a questi ultimi appartenesse la corretta vigilanza -continua il legale - Pertanto, in questa circostanza, i direttori di filiale o gli operatori non erano né potevano essere a conoscenza di alcunché e, né dalla vendita, hanno tratto alcun vantaggio. Ne è riprova che, alcuni di loro, hanno ricevuto valutazioni professionali peggiorative rispetto agli altri anni nonostante la vendita dei titoli e, anche sotto l'aspetto economico, non vi è mai stato il riconoscimento di alcun premio legato alle operazioni di vendita. 

Si sottolinea che, in alcuni casi - conclude D’Angelo - sono stati gli stessi operatori ad aver acquistato per sé o per familiari i titoli in oggetto. Il sottoscritto ed i lavoratori che rappresento manifestano piena fiducia nella Procura di Arezzo e auspicano che l'organo inquirente possa, serenamente, valutare gli inequivocabili elementi forniti (la cui produzione e avvenuta nell'interesse di tutti gli indagati iscritti alla Firs Cisl); peraltro, per una vicenda analoga in cui indagato è un mio assistito, la procura di Isernia ha richiesto l'archiviazione sul principio".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno