Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:56 METEO:AREZZO13°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Attualità domenica 20 giugno 2021 ore 09:50

Misericordia, Giani nuovo presidente nazionale

Per anni è stato al vertice della Gendarmeria Vaticana. E' fratello della Confraternita di Arezzo dal 1976. L'esito dell'elezione nella notte



AREZZO — “Un grande augurio di buon lavoro a Domenico Giani, nuovo presidente delle Misericordie d’Italia, nella convinzione che con le sue capacità saprà consentire al nostro movimento di rinnovarsi e tenere il passo dei tempi, restando saldamente radicato nella sua secolare tradizione, di generosità e fede.” 

Queste le parole con cui il presidente delle Misericordie della Toscana, Alberto Corsinovi, commenta l’elezione alla guida della Confederazione nazionale delle Misericordie dell'aretino Domenico Giani, avvenuta al termine dell’Assemblea nazionale che si è svolta ieri, sabato 19 giugno, nel centro ‘Spazio Reale’ di San Donnino, alle porte di Firenze. Lo scrutinio delle schede è terminato questa notte.

“La candidatura di Giani, fratello della Misericordia di Arezzo dal 1976, è partita dalla Toscana – aggiunge Corsinovi - ed è ovvio che siamo molto soddisfatti del grande consenso che ha riscontrato nell’Assemblea di tutte le Misericordie d’Italia. Quando, a febbraio scorso, ha dato la sua disponibilità a porsi al servizio del movimento candidandosi per la presidenza nazionale, abbiamo subito colto come provvidenziale questa opportunità. 

Oggi sono ancora più convinto che sia la persona giusta per portare avanti un ambizioso programma di rilancio delle attività caritatevoli e di servizio delle Misericordie.”

Domenico Giani è stato per anni "l'angelo del Papa", in quanto a capo, per lungo tempo, della Gendarmeria vaticana.

"Il mio impegno sarà ancora più importante in questo momento post pandemico in cui tutti siamo chiamati a ricostruire il nostro Paese e le Misericordie d’Italia, per la loro organizzazione, saranno fondamentali alla rinascita della società, in particolare della Persona" ha subito dichiarato Giani.

CHI E' DOMENICO GIANI

Domenico Giani, aretino, classe 1962, coniugato con due figli, è un Fratello della Misericordia di Arezzo dal 1976. Laureato in Pedagogia all’Università degli Studi di Siena e in Scienze della Sicurezza Economico-Finanziaria all’Università di Roma Tor Vergata; ha prestato servizio – dal 1981 – nella Guardia di Finanza e negli Organismi di Informazione e Sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nel febbraio 1999 è entrato a far parte del Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano come vice Comandante per divenire, dal 2006, Direttore dei Servizi di sicurezza e protezione civile e Comandante del Corpo della Gendarmeria. Un delicatissimo ruolo, quest’ultimo, che il Generale Domenico Giani ha saputo ricoprire al meglio e ininterrottamente sotto tre Papi, fino al 2019.

Non per caso è insignito di numerose onorificenze vaticane, italiane ed estere, tra le più recenti delle quali figura anche la “Legione d’Onore”, la più alta onorificenza della Repubblica Francese, conferitagli con la motivazione di “…meriti straordinari nella vita militare e civile”.

Oggi – e dal 2020 – è alla presidenza di ENI Foundation.

Nell’Arciconfraternita della Misericordia di Arezzo è sempre rimasto ben presente – malgrado i molteplici e prestigiosi incarichi spesso lo tenessero fisicamente lontano – anche ricoprendovi fino a poche settimane fa il ruolo di presidente del Collegio probivirale.

"Ho condiviso e sostenuto la candidatura di Domenico Giani – conclude Pier Luigi Rossi, Governatore della Misericordia di Arezzo, anch’egli presente all’Assemblea nazionale di Campi Bisenzio – convinto che porterà idee e valori per un rinnovamento delle attività delle Misericordie e una ripartenza della comunità italiana. Con soddisfazione e orgoglio, anche a nome delle Consorelle e Confratelli dell’Arciconfraternita della Misericordia di Arezzo, formulo a Domenico i più affettuosi auguri per l’importante e meritata nomina". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno