Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:35 METEO:AREZZO11°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 24 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dal patto del Nazareno all'elezione di Mattarella, i giorni del Quirinale - Il videoracconto

Attualità martedì 30 novembre 2021 ore 13:50

Donare gli organi è civiltà, progetto nelle scuole

Presentata l'edizione 2021 dell'iniziativa che coinvolge istituti scolastici del territorio della Asl Toscana Sud Est e torna in presenza



AREZZO — Presentata nell’aula magna dell’Itis di Arezzo l’edizione 2021 del progetto “La cultura del dono” che coinvolge gli studenti di dieci istituti superiori delle provincia di Arezzo, Siena e Grosseto. Dopo lo stop dovuto alla pandemia il percorso di educazione e sensibilizzazione riparte in presenza con un programma ambizioso e intenso.

Molte malattie croniche irreversibili come le gravi epatopatie, o l’insufficienza renale cronica, le gravi cardiopatie o alcune neoplasie della linea ematologica, hanno come unica opzione terapeutica il trapianto – spiega la dottoressa Lara Entani Santini, direttore Uosd Coordinamento locale donazione e trapianti della Asl –. Ma non vi è trapianto senza donazione ed è per questo motivo che è importante rendere la popolazione sempre più consapevole dell’importanza di questo percorso. Il progetto, voluto dall’Organizzazione toscana trapianti e recepito dalla nostra Azienda, non solo ha la finalità di diffondere e sostenere la cultura della donazione in ambito scolastico, sensibilizzando i ragazzi sull’importanza del ‘dono’, ma anche lo scopo di fare prevenzione sostenendo stili di vita salutari”.

“È un percorso al quale teniamo particolarmente – aggiunge la dottoressa Paola Pedani Po del settore aziendale Educazione alla salute –. In questa fase saranno dieci le scuole superiori coinvolte, distribuite tra Arezzo, Siena e Grosseto. Centinaia di studenti e decine di insegnanti che seguiranno il progetto attraverso incontri e approfondimenti che termineranno con la realizzazione di un prodotto educativo e informativo, che sarà scelto proprio dai ragazzi. Oggi abbiamo avuto l’occasione di vedere un video prodotto nel corso della precedente esperienza che ci ha colpito molto, per la freschezza e la spontaneità con la quale gli studenti hanno affrontato un tema così delicato. Questo progetto non è importante solo perché va a sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza di queste tematiche, ma soprattutto perché dà modo a tanti giovani di comprendere al meglio il valore della prevenzione. L’obiettivo vero è quello di ridurre la domanda di trapianti, vorrebbe dire che molte più persone hanno stili di vita più responsabili”.

“Nel 2020 in Italia – prosegue la dottoressa Entani – l’attività di donazione e trapianto è continuata grazie alla generosità di molte persone e alla professionalità dei sanitari che costituiscono la Rete trapianti, permettendo di operare in tutte le fasi del percorso, nonostante le difficoltà legate alla pandemia. Nel panorama italiano la Toscana è tra le Regioni più virtuose con un alto numero di donatori effettivi pari a 46,1 per milione di persone (media italiana del 20,2 per milione di persone), ma i pazienti in lista di attesa sono ancora un numero elevato e le richieste di trapianti sono nettamente superiori alle disponibilità degli organi donati. A livello di Asl Toscana sud est il percorso di donazione organi e tessuti è attivo già da molti anni, inoltre dal 2018 nei pronto soccorso di Arezzo e Grosseto si è aggiunto anche il percorso di donazione di polmone da donatore a cuore fermo, in accordo con quanto previsto a livello regionale”.

A seguire il progetto saranno un medico e un infermiere del coordinamento locale per ogni territorio interessato:

Arezzo – dottor Michelangelo di Schiena coadiuvato dall’infermiera Maricica Iacobov

Grosseto – dottoressa Lara Entani Santini coadiuvata dall’infermiera Giovanna de Maria

Nottola – dottor Roberto Randellini coadiuvato dall’infermiera Daniela Scalici

Campostaggia – dottoressa Laura Savelli coadiuvata dall’infermiera Elisa Barneschi

Il personale infermieristico è coordinato da Graziana Carotti e il personale referente per l’Educazione alla salute nell’Asl Toscana sud est: Paola Pedani, Renzo Paradisi, Silvia Toschi.

Donare è un atto di generosità, un atto di fiducia verso gli altri e verso la vita, un atto di grande civiltà. La donazione è un atto gratuito, volontario e anonimo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna salvata dai carabinieri all'alba. Era a terra, infreddolita e semi assiderata. Scaldata con i giubbotti dei militari. L'allarme dal figlio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca