Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Massimo Bernardini lascia 'Tv Talk', il saluto e l'addio commosso: «Devo andare, mia moglie mi aspetta»

Attualità martedì 08 marzo 2022 ore 10:00

Donne e lavoro, un percorso ancora ad ostacoli

Anche nell'Aretino le difficoltà maggiori per conciliare famiglia e impegni professionali. Con il Covid l'80% delle dimissioni sono state al femminile



AREZZO — "Le imprenditrici, italiane e aretine, sono forti, tenaci, combattive. Contribuiscono a tenere in alto, tra le altre cose, un settore, quello del Made in Italy, che il mondo ci invidia. Eppure, ci sono ancora tanti ostacoli sulla strada del lavoro femminile, soprattutto quando si parla di lavoro dipendente".

A fare il punto della situazione è Elisa Cencini, presidente del Comitato Impresa donna Cna Arezzo.

“Che siano dipendenti o imprenditrici, tra gli ostacoli che le donne devono affrontare ogni giorno ci sono la difficoltà di conciliare gli impegni familiari con la vita professionale e il persistere di opportunità di guadagno economico non soddisfacenti, sia se considerate in termini assoluti sia rispetto a quelle maschili. Ciononostante, sempre più donne si sono ricavate uno spazio importante nel sistema produttivo e forniscono un notevole apporto alla crescita dell’economia italiana. Assurdo che certe porte restino chiuse”.

A dimostrazione dell’enorme impatto del lavoro femminile sull’intera economia, ecco i settori nei quali l’imprenditoria femminile è più presente: oltre alla manifattura, 1.131 imprese nell’aretino a fine 2021, ci sono il settore del commercio, 2.005 imprese, e quello dei servizi, 929 aziende. Da sottolineare il ruolo nel comparto “servizi”: nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di attività di cura delle persone. Altri ambiti di attività nei quali i tassi di imprenditorialità femminile risultano più elevati sono il comparto aggregato che comprende le tintolavanderie, i parrucchieri e i centri estetici, il turismo, a cui segue l’agricoltura.

Quando si parla del tasso di occupazione, le cose peggiorano decisamente "nell’Aretino più dell’80% delle dimissioni volontarie riguardano donne che, con le nuove problematiche insorte in tempo di pandemia, non sono riuscite più a conciliare la vita lavorativa con gli impegni familiari. Eppure, figli piccoli e genitori anziani sono gli stessi per gli uomini e per le donne. Questo indica che il problema è, essenzialmente, culturale”.

A questo aggiungiamo il gender pay gap: “le donne in Italia continuano a percepire retribuzioni più basse di quelle maschili a parità di lavoro e mansioni".

La pandemia, la guerra alle porte, il senso di incertezza crescente, spingono verso una direzione: “il lavoro delle donne, se sostenuto e riconosciuto finalmente strategico, contribuisce alla crescita dell’economia e alla creazione di una società più giusta”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno