Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:41 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 05 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La motovedetta libica fa una manovra violenta e i migranti cadono in acqua

Cronaca martedì 18 ottobre 2022 ore 17:30

Dramma morti sul lavoro, nell’Aretino 7 in 8 mesi

Oltre 3mila le denunce di infortunio nello stesso periodo. Presidio dei sindacati davanti alla Prefettura per avere maggiore sicurezza



AREZZO — Domani mattina (dalle 11 al 12) i sindacati confederali Cgil Cisl e Uil terranno un presidio di fronte alla Prefettura di Arezzo per sostenere la mobilitazione per la sicurezza sul lavoro che culminerà con la manifestazione unitaria in programma sabato 22 ottobre a Roma.

Nella provincia di Arezzo, sulla base della banca dati Inail, nel periodo gennaio – agosto 2022 si sono registrati 7 infortuni mortali e Arezzo è la seconda provincia toscana dopo Firenze. Lo scorso anno, negli stessi 8 mesi, le morti erano state 2. Le denunce di infortunio sono state 3.146 e quella aretina è la quarta provincia della regione. Lo scorso anno erano state, nello stesso periodo, 2.511. Il pesante incremento di infortuni e di decessi non può essere imputato – secondo i sindacati – solo alla ripresa di attività dopo il Covid.

Cgil, Cisl e Uil chiedono che “tutti i finanziamenti alle imprese, che aumentano per l’attuazione del PNRR, siano condizionati ad investimenti in salute e sicurezza sul lavoro. Deve essere previsto e preteso che le imprese di ogni settore seguano criteri di qualificazione e che sia vincolante applicare anche negli appalti privati, cosi come è stato riconfermato per gli appalti pubblici solo i contratti collettivi di lavoro stipulati da Associazioni Sindacali comparativamente più rappresentative”.

Cgil Cisl e Uil chiedono poi informazione e addestramento per tutti i lavoratori, il rafforzamento dei controlli da parte degli istituti pubblici. Propongono anche che la materia della salute e sicurezza sul lavoro entri nei programmi scolastici perché non sia solo una conoscenza di norme ma si concretizzi il rispetto del valore della vita umano.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno