Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO13°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 02 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni incontra Biden alla Casa Bianca: «Costruire insieme la pace per l’Ucraina»

Attualità venerdì 20 marzo 2020 ore 20:36

Pazienti Covid al San Donato, spostati gli altri

In vista del picco di contagi l'ospedale cittadino diventa polo di cura per l'infezione. Tutte le altre attività dirottate al Centro Chirurgico Toscano



AREZZO — L'ospedale San Donato sarà interamente dedicato ai pazienti Covid. Occorrono più posti letto per i contagiati pertanto tutte le attività, che non rientrano nella cura del virus, verranno spostate in altre strutture, prime fra tutte il Centro Chirurgico Toscano ed il San Giuseppe.

"Il San Donato - sottolinea il direttore generale Asl, Antonio D'Urso - ha tutte le competenze e caratteristiche tecniche per dare il meglio della cura ai pazienti che hanno contratto il virus".

Le prossime settimane, poi, saranno quelle che portano al picco dei contagi e la Asl non si vuol far trovare impreparata ad affrontare l'emergenza. Pertanto al San Donato si stanno già organizzando per accogliere un flusso importante di pazienti. Anche medici e infermieri  "fuori zona" sono già stati allertati per prestare servizio all'ospedale aretino.

Attualmente il reparto di "Malattie Infettive" ha solo 24 posti letto la Asl è al lavoro per incrementare il numero di degenze.

L'obiettivo è quello di non rischiare minimamente che un  contagiato entri in contatto con pazienti che hanno altre patologie. Per il momento all'ospedale cittadino sono stati creati percorsi e aree ben separate ma, qualora dovesse verificarsi un incremento di accessi Covid, tutto ciò diventerebbe ancor più problematico.

Così, D'Urso annuncia: "Bisogna svuotare il San Donato, togliere quelle attività no-Covid e garantirle da un'altra parte. Quindi  tutta l'attività chirurgica, riguardante anche ai pazienti oncologici, verrà dirottata in strutture come il Centro Chirurgico Toscano e il San Giuseppe. Ovviamente, questa soluzione è per un periodo breve, limitato ad assorbire il picco del contagio e dei relativi ricoveri ospedalieri".

Questa scelta, avvallata anche dal Ministero della Salute, è motivata per garantire a tutti i pazienti, contagiati e non, di ottenere le migliori cure in ambienti adeguati.

"Ci stiamo preparando per rendere il San Donato più capace di accogliere i contagiati - conclude Antonio D'Urso - e son convinto che tutti insieme ce la faremo, sconfiggeremo il virus".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno