Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:33 METEO:AREZZO11°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità giovedì 12 novembre 2020 ore 18:41

D'Urso, tasso di contagio al 15. A marzo era al 2

Il rapporto su mille abitanti. Il Direttore generale parla di "situazione sconvolgente, come uno tsunami". Cominciano ad intasarsi gli ospedali



AREZZO — "Ad Arezzo il tasso di contagio della popolazione è del 15,15 per mille abitanti. Nei primi sei mesi della pandemia del 2,04". A fornire il dato il Direttore generale della Asl Toscana Sud Est, Antonio D'Urso.

Infatti, lo stesso spiega: "quello che è sbagliato sostenere è che la diffusione del virus oggi è simile a quella di marzo scorso. E’ molto peggio. I dati di stamani alle 8 ci dicono qualcosa di sconvolgente: se da marzo a luglio i casi registrati sono stati 1400 (nell'intera Area Vasta, ndr), nei successivi tre mesi sono diventati oltre ottomila".

E D'Urso, intervenendo all'inaugurazione del Festival della Salute a Siena, ha rivolto un appello: “il virus ha una diffusione crescente. Quello che ci salva in questo momento non è la terapia, ma una serie di comportamenti, tanto banali quanto utili: distanziamento, evitare l’affollamento, lavarsi le mani, utilizzo delle mascherine”.

Il direttore generale della Sud Est ha poi definito uno “tsunami” quello che sta succedendo. L’attività di tracciamento è in pieno svolgimento così come l’effettuazione dei test-tampone. Nei primi sei mesi ne venivano fatti mille al giorno complessivamente: oggi Arezzo ne fa quotidianamente 1700. Ogni persona rivelatasi positiva, viene informata del pericolo di trasmissione che hanno anche gli asintomatici e posta in isolamento.

A stamani le persone in quarantena della Sud Est (quindi tra Arezzo, Siena e Grosseto), considerato che per ogni positivo si mettono oggi in isolamento 2,04 persone, sono 10mila 864 e ad essi si aggiungono gli ospedalizzati che cominciano a riempire e intasare le strutture di terapia e degenza.

“La nostra strategia – ha concluso il Direttore generale – è di estendere ulteriormente l’attività dei tamponi, agire con tempestività nell’individuazione dei possibili ulteriori contagiati e fare appello alla popolazione perché mantenga comportamenti di protezione e sicurezza. E’ necessario che la curva si abbassi anziché aumentare".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Attualità