Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:AREZZO15°27°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 22 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Klaus Davi allontanato dal centro islamico di viale Jenner a Milano: minacce e sputi ripresi in un video
Klaus Davi allontanato dal centro islamico di viale Jenner a Milano: minacce e sputi ripresi in un video

Attualità lunedì 20 marzo 2023 ore 19:45

Rabbia ristoratori, boom di clienti che danno buca

Il fenomeno delle prenotazioni non rispettate dilaga anche sul territorio. Sempre più i clienti che non si presentano senza avvisare



AREZZO E PROVINCIA — C’è preoccupazione tra i ristoratori toscani e anche aretini per il fenomeno crescente delle disdette last minute delle prenotazioni. A parlare per la categoria è il presidente di Confcommercio Toscana Aldo Cursano, che a livello nazionale è anche vicepresidente vicario di Fipe, la federazione dei pubblici esercizi.

Il “no show”, come lo chiamano gli addetti ai lavori, sta mettendo in crisi più di un locale: “capita purtroppo con frequenza sempre maggiore che un cliente che ha prenotato un tavolo per più persone non si presenti senza alcun preavviso. Il risultato è che il ristorante perde un numero anche importante di coperti, magari in un giorno e in un orario di punta, senza possibilità di recuperarli - spiega il presidente Cursano. - Le cose sono peggiorate dopo la pandemia, all’inizio le cancellazioni all’ultimo momento erano legate in genere alla scoperta della positività di qualche convitato. Un motivo che rendeva la scelta obbligatoria. Poi, però, qualcuno ha iniziato ad approfittarsene con disinvoltura: non si presenta semplicemente perché ha cambiato idea sul dove e come passare la serata. Un comportamento scorretto che fa saltare tutta l’organizzazione del lavoro”.

Alcuni casi sono balzati di recente agli onori della cronaca, come quello della pizzeria “PizzAut” di Milano, che si è vista annullare all’improvviso una prenotazione per 150 persone ed è riuscita a salvare la serata mobilitando nuovi clienti grazie ad un appello social. “Per carità, può accadere a tutti di avere un problema all’ultimo momento, ma la scelta di non avvisare neppure evidenzia una innegabile malafede. E, in ogni caso, è giusto pagare una penale per tutelare il locale dove si è prenotato”.

La tecnologia, in questo caso, sta provando a venire in aiuto. “Molti ristoranti hanno cominciato ad usare servizi di prenotazione online, come quello offerto da Nexi in convenzione con Fipe-Confcommercio, con strumenti di incasso a distanza che tutelano da disdette o mancato arrivo del cliente. In pratica, chi prenota sa che gli verrà addebitata sulla carta di credito una penale in caso non si presenti o annulli in ritardo. È tutto in regola e dichiarato” termina Cusano.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno