Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:17 METEO:AREZZO14°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Alberto Angela a Pompei: «Sperimenteremo la tecnica del piano sequenza»

Attualità venerdì 24 luglio 2020 ore 09:40

"Gelli cittadino esemplare", Ghinelli chieda scusa

Licio Gelli

Ducumenti desecretati sulla strage di Bologna. Tito Barbini sollecita il sindaco a rivedere le sue considerazioni sull'ex Venerabile della P2



AREZZO — Il 2 agosto si ricorda uno degli eventi più drammatici della storia italiana nel secondo dopoguerra. Sono passati 40 anni dalla strage di Bologna. Un atto terroristico che provocò la morte di 85 persone. Lo storico politico aretino Tito Barbini, da anni  reinventatosi scrittore di successo nonché blogger di QuiNews, invita il sindaco Ghinelli a rivedere certe sue considerazioni nei confronti di Licio Gelli, anche e soprattutto alla luce dei documenti desecretati su uno dei momenti più tragici del Paese.

Tra pochi giorni si ricorda la strage alla stazione di Bologna avvenuta il due Agosto . Sindaco Ghinelli, le rivolgo una domanda: nel momento in cui si ricandida alla guida della città, non le sembra arrivato il momento di chiedere scusa agli aretini? Fu lei infatti ad affermare che Licio Gelli era un “cittadino esemplare” di cui la nostra città doveva andare fiera. Ecco finalmente un altro pezzo di verità che coinvolge il defunto capo della loggia P2, uno dei più grandi criminali della storia italiana del 900. Quindi, secondo i documenti desegretati in questi giorni, fu direttamente Licio Gelli a consegnare ai Nar l'anticipo di denaro per l'esecuzione della strage di Bologna. Ne sono convinti i magistrati della Procura generale che hanno indagato su mandanti e finanziatori dell'attentato del 2 agosto 1980 (come esecutori sono già stati condannati in via definitiva Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini. Il venerabile capo della P2, accompagnato da un suo factotum, alcuni giorni prima della bomba alla stazione, incontrò alcuni esponenti della destra eversiva a cui consegno un milione di dollari in contanti. Gli inquirenti sono riusciti a stabilire con certezza la presenza di Gelli e dei terroristi, nello stesso giorno e in una precisa località. La vicenda è stata ricostruita nelle indagini condotte da Digos, Guardia di Finanza e Ros, analizzando i flussi di denaro che tra il 1979 e il 1982, partivano dal Banco Ambrosiano per arrivare sui conti cifrati svizzeri e, dopo una serie di passaggi schermati, a Gelli. In questi anni ho scritto molti articoli per denunciare tutti i crimini e le malefatte di cui il materassaio di Castiglion Fibocchi si era macchiato. Ne ho parlato diffusamente nel mio libro “Quell’idea che ci era sembrata cosi bella”. Dal colpo di stato in Argentina sostenendo i militari golpisti iscritti alla P2 fino a rendersi complice del “desaparecidos” di origine italiana. Le trame eversive e la strategia della tensione. I rapporti documentati e oggetto di sentenze definitive con i fascisti e il terrorismo nero nella nostra città. Potremmo non finire mai con l’elenco dei veleni e delle manovre che hanno inquinato la vita democratica del nostro paese. Ecco, sindaco Ghinelli, perché, oggi, dopo queste rivelazioni, non sono più procrastinabili, le sue scuse alla città per quella frase di cui non si è mai pentito. Altrimenti, per colpa sua, resta una macchia indelebile sull’intera città. Io non sono comunque tra i suoi elettori ma la frase da lei pronunciata denota una concezione inquietante della democrazia e della funzione istituzionale per cui chiede di essere confermato. Ecco perché noi cittadini ci sentiamo offesi nell’essere compresi con il “cittadino esemplare” Licio Gelli. Ecco perché chiediamo le sue scuse.

Tito Barbini


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno