Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:32 METEO:AREZZO14°29°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 26 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conference League alla Roma, Pellegrini alza la coppa ed è trionfo

Attualità mercoledì 26 gennaio 2022 ore 15:00

Il lockdown non molla parrucchieri ed estetiste

Barolo CNA Acconciatori e Pagni CNA Estetiste

Allarme di Cna su caro bollette, mancanza dei clienti per l'emergenza sanitaria che fa sempre paura, abusivismo e tasse troppo alte



AREZZO — Costi per l’energia lievitati, rincari sulle materie prime, tasse altissime e, come se non bastasse, una situazione sanitaria che ha riportato gli aretini dentro alle loro case, rinunciando spesso alle occasioni di vita sociale. È il quadro, tracciato da Cna, su quello che stanno affrontando in questo momento parrucchieri ed estetisti.

A fare il punto della situazione sono Claudio Barolo, presidente del segmento Acconciatori, e Roberta Pagni, presidente Estetiste: “anche se non lo è formalmente, il Paese è di fatto in lockdown, almeno per quanto riguarda tutte le attività sociali. Sono tante le aziende nelle quali stanno lavorando soltanto i soci che fanno tutto, dal trattamento alle pulizie, oppure lavora un solo dipendente a rotazione. La situazione è ancora più drammatica per chi, e sono tanti, lavora da solo: per questi imprenditori non c’è nessuna forma di ristoro ed è molto grave, perché stiamo lavorando con il 50% in meno del fatturato”.

Tante aziende non hanno retto all’urto causato dal lockdown, i dati disponibili al momento, confrontando quelli del 2019 con quelli del 2020, parlano di un 20% in meno tra estetisti e acconciatori. Il 2021, e questo inizio di 2022 caratterizzato da un aumento esponenziale dei costi, non hanno certo contribuito a migliorare la situazione. In questo scenario si inserisce anche la piaga dell’abusivismo, che adesso fa particolarmente male: “persone senza requisiti tecnici né sanitari offrono servizi a domicilio. In particolar modo, chi non ha il Green Pass ricorre più facilmente a questa modalità. Siamo consapevoli che non c’è un numero di operatori delle forze dell’ordine sufficiente per contrastare questo fenomeno, sta di fatto che anche questo è un danno per la categoria”.

Infine, anche i clienti sono cambiati: “durante il lockdown, in tv e su internet si sono moltiplicati programmi e tutorial su come tingersi i capelli da soli, come trattare a casa determinati inestetismi. Il permanere dell’emergenza sanitaria fa sì che molte persone si siano abituate a questa modalità casalinga”, continuano Pagni e Barolo.

Come si affronta una crisi del genere? “Le parole chiave sono più formazione e meno tasse. Quando parliamo di meno tasse non intendiamo un rinvio, non pago oggi per pagare il doppio domani, ma di un anno ‘bianco’, per permettere alle aziende di riprendersi. E poi c’è bisogno di formazione. Un trattamento professionale, un taglio fatto a regola d’arte, non potranno mai essere soppiantati da un trattamento casalingo. Dobbiamo puntare sulla nostra qualità artigianale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dramma nei campi alla periferia della città. L’incidente mentre l’uomo era alla guida del mezzo. I sanitari hanno solo potuto constatare il decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Attualità