Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:39 METEO:AREZZO21°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Usa, Convention repubblicana: ovazione per JD Vance, nominato candidato vicepresidente per acclamazione
Usa, Convention repubblicana: ovazione per JD Vance, nominato candidato vicepresidente per acclamazione

Attualità domenica 04 ottobre 2020 ore 10:45

Il tappeto dei ricordi emoziona il Borgo

Lungo 800 metri è stato steso tra Porta Romana e Porta Fiorentina. Tanta gente ad ammirarlo. Creato da 500 donne durante il lockdown



AREZZO — Il "tappeto dei ricordi" è stato steso ed ha sfidato il maltempo. Nell'interezza della sua bellezza, dei suoi colori sgargianti, della sua lunghezza, ben 800 metri, nella sua testimonianza concreta dell'abilità delle mani delle 500 donne che l'hanno creato ha emozionato la tanta gente che non ha mancato l'occasione di ammirarlo.

La creazione si snoda tra Porta Romana e Porta Fiorentina. Alle 12 si è svolta una piccola inaugurazione, nel rispetto delle norme anti Covid e l'esposizione dura fino alle 22.

L'idea di realizzarlo, per sopportare l'isolamento e le lunghe giornate del lockdown, è venuta ad un'infermiera di Sansepolcro, Vania Raspini, che l'emergenza sanitaria l'ha vissuta ancor più da vicino. Così hanno aderito, in poco tempo, donne da tutta l'Alta Valle del Tevere. Ma c'è stata partecipazione anche da altri comuni italiani.

Perchè realizzare un tappeto? Perchè, in passato, sotto al tappeto si nascondevano la polvere, le minuzzole di pane, magari per non far brutta figura di fronte alla visita improvvisa di ospiti importanti. Ed oggi il tappeto ha la funzione di mettere sotto questo maledetto virus, che tanto ci preoccupa. Ma è anche un simbolo di vita, quella vita che pensavamo di aver perso per sempre.

L'obiettivo è di continuare a far del bene attraverso questo gruppo di donne volitive e determinate, che nella realizzazione del tappeto, attraverso centinaia di mattonelle e pezzetti fatti rigorosamente a mano, hanno superato meglio la solitudine, le lunghe giornate e nottate che non passavano mai, in una situazione emergenziale che, almeno nel recente passato, non aveva precedenti.

Questa a Sansepolcro è la prima esposizione del grande manufatto. Poi ce ne saranno altre, nelle varie cittadine della vallata e andranno avanti anche nel 2021.

Claudia Martini
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno