QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
AREZZO
Oggi -3°7° 
Domani -4°7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 11 dicembre 2018

Attualità venerdì 23 novembre 2018 ore 09:00

Incidenti stradali nell'aretino, bilancio Istat

​Nel 2017, rispetto a un anno prima, nell'intera provincia sono diminuiti sia gli incidenti che morti e feriti. Tutti i numeri



AREZZO — L'istituto nazionale di statistica, Istat, ha reso noto un documento che parla degli incidenti stradale in Toscana nel 2017.

Nel 2017 si sono verificati, in Toscana, 16.099 incidenti stradali che hanno causato la morte di 269 persone e il ferimento di altre 21.390. Rispetto al 2016, diminuiscono sia gli incidenti (-2,5%) che i feriti (-2,9%), in misura superiore ai dati nazionali (rispettivamente -0,5% e -1,0%); il numero di vittime della strada aumenta invece dell’8,0%, a fronte di un dato nazionale di +2,9% (Prospetto 1).

Il dato nella provincia di Arezzo parla di 1065 incidenti nel 2017 (1100 nel 2016) con 24 morti (28) e 1460 feriti (1536).

La Toscana rispetto agli obiettivi europei. I Programmi d’azione europei per la sicurezza stradale, per i decenni 2001-2010 e 2011-2020, impegnano i Paesi membri a conseguire il dimezzamento dei morti per incidente stradale con una particolare attenzione, nel decennio in corso, agli utenti vulnerabili. Nella regione Toscana, nel periodo 2001-2010 le vittime della strada si sono ridotte del 38,9%, meno della media nazionale (-42,0%); nel periodo 2010-2017 si registrano variazioni, rispettivamente, di -12,1% e -17,9%. Sempre fra 2010 e 2017 l’indice di mortalità sul territorio regionale è rimasto sostanzialmente stabile, aumentando lievemente da 1,6 a 1,7 deceduti ogni 100 incidenti mentre quello medio nazionale è rimasto invariato (1,9) (Cartogrammi in allegato). In Toscana, nel 2017, l’incidenza degli utenti vulnerabili per età (bambini, giovani e anziani) deceduti in incidente stradale è molto superiore alla media nazionale (52,4% contro 45,2%). Anche guardando agli utenti vulnerabili secondo il ruolo che hanno avuto nell’incidente (conducenti/passeggeri di veicoli a due ruote e pedoni),, il loro peso relativo (sul totale dei deceduti) misurato nella regione è superiore nel 2017 a quello nazionale (53,5% contro 49,8%). Negli ultimi otto anni (2010-2017) l’incidenza di conducenti di motocicli deceduti è cresciuta in Toscana (da 22,5% a 23,4%) mentre si è ridotta nel resto del Paese (da 23,1% a 21,8%). Al contrario, è diminuita in Toscana la quota di pedoni deceduti (da 20,9% a 20,1%) a fronte di un aumento nel resto del Paese (da 15,1% a 17,8%).



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità