Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:47 METEO:AREZZO14°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Letizia Moratti balla e canta con Ivana Spagna sulle note di «The Best»

Cronaca martedì 04 ottobre 2022 ore 15:35

Pipì e vomito su porte e vetrine, rabbia in centro

Negozianti e residenti tra piazza Risorgimento e via Madonna del Prato vittime della mala movida. Un altro weekend difficile



AREZZO — Mala movida, un problema da risolvere anche perché il fenomeno non si arresta. E' stata direttamente Confesercenti a raccogliere le segnalazioni di alcuni commercianti di piazza Risorgimento e via Madonna del Prato e si è fatta portavoce della situazione di degrado e disagio seminata nell'ultimo weekend da avventori che hanno trascorso il sabato sera in queste zone del centro. E le immagini e i filmati raccolti dai titolari di alcune attività insieme a quelle registrate da chi ha passeggiato domenica mattina in piazza Risorgimento e via Madonna del Prato hanno scattato una fotografica squalificante.

“A terra - spiega la direttrice di Confesercenti Valeria Alvisi - è stato abbandonato di tutto. Evidenti anche i segni di chi ha fatto i propri bisogni alle pareti dei palazzi e agli ingressi delle vetrine dei negozi. È chiaro che la situazione non può ripetersi. Con l'arrivo dell'autunno durante il weekend cresceranno le occasioni di ritrovo per la gioventù in cerca di divertimento. L'associazione non vuole essere 'bacchettona'. Tutt'altro. Siamo a favore della movida e del sano divertimento, che rappresenta occasione di socialità per le nostre ragazze e i nostri ragazzi e al tempo stesso vitalità sia per la città che per le aziende. Serve però il rispetto sia delle regole civili di convivenza che del bene pubblico. Non è giusto seminare in strada e in piazza sporcizia e degrado”.

Domenica mattina, infatti, in piazza Risorgimento e in via Madonna del Prato erano evidenti le tracce di urina, ma anche di vomito e addirittura di sangue. “Immagini raccapriccianti - prosegue Alvisi - senza considerare lo sgradevole odore. Alcuni commercianti hanno dovuto ripulire e adesso la preoccupazione è che il fenomeno possa ripetersi. Per questo abbiamo sollecitato un confronto con l'amministrazione comunale inviando una richiesta di incontro al comandante Aldo Poponcini e all'assessore alle attività produttive Simone Chierici. È importante non sottovalutare il problema per capire quali azioni è possibile mettere in atto per evitare, tra l'altro, che il problema possa non solo ripetersi in piazza Risorgimento e via Madonna del Prato ma spostarsi in altre zone cittadine”.

“Il piazza Risorgimento e in via Madonna del Prato - scrive Confesercenti - c'è chi lamenta scarso decoro. È frequente, infatti che in strada siano abbandonati bicchieri di alcolici e tracce di sporcizia legata alle cattive abitudini di chi urina alle pareti o ai portoni dei palazzi”. 

“Dopo la pausa estiva - proseguono dall'associazione di categoria - infatti gli episodi rischiano di ripetersi e coinvolgere più zone del centro storico. Chiediamo quindi un incontro per affrontare le problematiche”. E quali le soluzioni? “Crediamo sia importante - conclude Alvisi - anche concordare modalità di pulizia, igienizzazione approfondita e raccolta maggiormente tempestive nelle aree attraversate dalla movida”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno