Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO13°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 03 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Bellingham segna all’98esimo ma non vale: Valencia-Real Madrid finisce con accese proteste

Attualità giovedì 30 novembre 2023 ore 23:43

Medioetruria, “una scelta incomprensibile”

Medioetruria, Ghinelli: “La scelta di Creti è incomprensibile e di fatto renderà l’opera irrealizzabile”



AREZZO — “Apprendo con grande sorpresa che il tavolo tecnico ha indicato Creti come la soluzione più adeguata per la localizzazione della stazione Medioetruria e non volendo soffermarmi su malevoli considerazioni, peraltro già sostenute da qualche sindaco dell’Alta Valle del Tevere, mi verrebbe da dire che Creti è la scelta più giusta per non fare l’opera

Si tratta infatti di una localizzazione priva di ogni giustificazione tecnica, logistica, geografica, urbanistica, infrastrutturale, viaria ed economica, che prefigura una ipotetica cattedrale nel deserto con i coefficienti di un’opera ottocentesca. Si ricorda che Creti è fuori dallo scambio ferro-ferro, e quindi raggiungibile solo tramite auto privata in un contesto di assolutamente insufficiente infrastruttura viaria e di mancanza dei servizi necessari per renderla solo lontanamente adeguata. Oltre ad una localizzazione completamente avulsa da ogni dinamica infrastrutturale, il bacino di Creti è esattamente la metà del bacino calcolato per Rigutino e i costi di realizzazione non giustificano una scelta del tutto inadeguata. E queste sono le ragioni tecniche che tuttavia non possono mettere in secondo piano le ragioni politiche entro le quali questa scelta è maturata e che sembrano rendere le prime assolutamente subordinate alle seconde. 

La prima: Regione Umbria ha giocato un ruolo da impropria protagonista ai danni di Regione Toscana che invece è l’ente deputato ad avere un ruolo prioritario nelle dinamiche di valutazione e nelle conseguenti scelte di realizzazione

La seconda: si apre una frattura trasversale tanto nel centro sinistra quanto nel centro destra ma che ovviamente, per quanto riguarda il centro destra richiede una analisi approfondita del perché la parte umbra abbia avuto così peso rispetto alla parte toscana.
Ultima nota di valutazione: restano tutte da spiegare le motivazioni che vorrebbero una infrastruttura così impegnativa e d’impatto in un contesto di pregio ambientale che non si presta certamente a operazioni di questo tipo, ma al contrario a valorizzazioni ambientali e turistiche. 


La scelta di Creti penalizza in maniera forse definitiva la crescita turistica della Valdichiana che oggi non vince la battaglia della stazione ma diventa sostanzialmente una appendice funzionale agli interessi politici umbri in un’opera che, con queste caratteristiche, non serve a nessuno”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno