Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:05 METEO:AREZZO12°20°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, strattonata e rapinata poi viene trascinata dal ladro con l'auto

Attualità sabato 11 febbraio 2017 ore 12:08

Oltre 1000 lavoratori in fibrillazione

Il commissariamento di Sei Toscana preoccupa i dipendenti e tutti coloro che sono impiegati nell'indotto. Il sindacato: "Almeno ora coinvolgeteci"



AREZZO —  Il Commissariamento di Sei Toscana preoccupa CGIL e FP CGIL Siena, Arezzo, Grosseto, Livorno.

"Apprendiamo con forte preoccupazione della richiesta inoltrata al prefetto di Siena da parte di Anac per il commissariamento di Sei Toscana. L'istanza è connessa all'inchiesta per turbativa d'asta e corruzione, condotta dalla Procura Fiorentina, per una gara da 3,5 miliardi di euro per la gestione ventennale del ciclo completo dei rifiuti nelle province di Siena, Arezzo e Grosseto e della Val di Cornia in provincia di Livorno.

Non vogliamo giudicare le dinamiche giudiziarie - dice il sindacato - ma non c'è dubbio che la situazione metta in fibrillazione gli oltre 1.000 lavoratori dipendenti dell'azienda, il personale degli appalti e dell'indotto, le loro famiglie e non solo. A loro va il nostro pieno appoggio perché è esattamente dalla forza lavoro, dalla sua professionalità ed abnegazione che la gestione deve ripartire con slancio.

Per questo vogliamo aggiungere con chiarezza che se arriverà il commissario dovrà tener conto anche degli oltre 300 lavoratori in somministrazione che operano nell'azienda in servizi strutturati - molti da diversi anni - senza certezza di continuità e stabilità del loro rapporto di lavoro. E' evidente che lo spazzamento e la raccolta dei rifiuti non potranno essere sospesi, per questo alcuni nodi irrisolti dovranno essere subito affrontati - continua - Ci riferiamo all'efficienza del servizio che, non per demerito dei lavoratori, sembra peggiorato. Ci riferiamo alle tariffe che invece appaiono aumentate. Ci riferiamo al ruolo dei soci privati che patti parasociali a noi sconosciuti hanno esaltato con ripercussioni sull’economicità dei servizi e sulle condizioni di lavoro del personale. Oppure alle consulenze che ci risultano gravare sulla gestione dell'azienda per oltre 1.000.000,00 euro nel 2015. Ci riferiamo infine allo smaltimento e compostaggio dei rifiuti in ordine al rapporto fra i servizi di spazzamento e raccolta e la funzione svolta dagli impianti che è stata lasciata fuori dalla gestione di Sei Toscana.

Vogliamo chiaramente dire - conclude il sindacato - che abbiamo già sottolineato tutti questi problemi da tempo e fin dall'inizio di questa ristrutturazione in area vasta abbiamo perciò affermato che il coinvolgimento del sindacato sarebbe stato utile per evitare errori ed incoerenze. Almeno di fronte al commissariamento la politica e le istituzioni riaprano un confronto trasparente con i lavoratori e i loro sindacati".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Giancarlo Sassoli confermato presidente. La panoramica su tre anni di attività: contributo da circa 3 milioni di euro alla sanità pubblica
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Sport