Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:AREZZO14°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L'albero della barca di Alinghi si spezza sotto le raffiche di vento: il video dell'incidente durante le esercitazioni per l'America's Cup

Attualità martedì 17 gennaio 2017 ore 17:00

"Partecipate ai bandi per i parcheggi"

Rodolfo Raffaelli, Fiva Confcommercio

Le raccomandazioni di Rodolfo Raffaelli (Fiva Confcommercio) relativamente alla proroga in materia di direttiva Bolkestein



AREZZO — “Gli ambulanti devono partecipare ai bandi aperti dai Comuni per il rinnovo delle concessioni nelle fiere e nei mercati, pena la perdita del posteggio”. 

Lo dice il presidente della Fiva-Confcommercio aretina Rodolfo Raffaelli, mettendo in guardia i colleghi sui rischi di dare retta a chi vede nella proroga al 31.12.2018 delle scadenze, decisa dal Milleproroghe, una panacea contro la Bolkestein, la direttiva europea che, sulla carta, vorrebbe rimettere in gioco le concessioni scadute dei posteggi, senza trattamenti di favore per gli operatori che quei posteggi li hanno avuti per anni.

“A meno che un Comune non abbia messo per iscritto la volontà di recepire la misura approvata dal Consiglio dei Ministri, non abbiamo affatto la certezza che i bandi aperti finora siano davvero invalidati”, spiega il presidente degli ambulanti. Non solo: il decreto non è stato ancora convertito in legge e c’è tempo fino al 1° marzo per eventuali ricorsi che sconfessino la misura relativa agli ambulanti.

“Ed è probabile che ci siano, visto che la direttiva Bolkestein è legge europea vincolante per lo stato italiano”, sottolinea Raffaelli, “del resto la misura approvata con il Milleproroghe non è certo finalizzata a far uscire il commercio su area pubblica dalla Bolkestein, ma esclusivamente a rinviare per i Comuni i termini per la predisposizione dei nuovi bandi”.

Nel caso in cui la decisione presa con il Milleproroghe non venisse confermata, gli operatori che non hanno partecipato ai bandi aperti perderebbero ogni diritto sui posteggi. Inoltre, dopo le scadenze previste dall’Intesa del 2012, non si avrà più la certezza che al prestatore uscente siano riconfermati l'assegnazione dei 40 punti e il rilascio della nuova concessione dei posteggi fino a 12 anni. “È un rischio enorme da correre, per questo consigliamo di procedere con l’invio delle domande nell’attesa che la faccenda venga chiarita una volta per tutte”, dice il presidente della Fiva aretina.

“L’unico effetto tangibile della proroga, che a prima vista pare a favore degli ambulanti, è la svalutazione dei posteggi in caso di affitto o di vendita per via dell’incertezza che si è creata. Questi rimpalli di competenze e decisioni tra Europa, Governo, Regioni e Comuni complicano la burocrazia, ci fanno perdere tempo e denaro e non fanno altro che confonderci”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno