Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:AREZZO11°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 12 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Neymar distratto dal telefono gioca a poker durante la festa di compleanno della figlia

Attualità giovedì 11 maggio 2017 ore 21:10

Pd: "La giunta ha messo una pezza all’Aquilone"

Sul caso Matrignano il gruppo consigliare PD ritiene che le famiglie abbiano conquistato un importante risultato che, però, è provvisorio e a termine



AREZZO — Di seguito pubblichiamo il comunicato stampa del Gruppo Consiliare del Partito Democratico riguardo la decisone, della giunta Ghinelli, di riaprire a settembre la scuola di Matrignano:

“Matrignano. La scuola l’Aquilone torna a volare ma solo per un anno e le forbici della giunta Ghinelli sono già pronte a tagliare il filo nel settembre del prossimo anno

Le legittime, convinte e motivate istanze dei genitori hanno fatto cambiare idea alla Giunta Comunale che aveva deciso la chiusura della scuola: subito e senza preavviso. Le famiglie hanno conquistato un importante risultato che, però, è provvisorio e a termine.

La Giunta ha infatti deciso di spendere 65.000 euro per opere di "miglioramento" sismico e di tenere aperta la scuola per un altro anno. In questo modo rinuncia alla realizzazione di opere di "adeguamento" sismico o alla demolizione e ricostruzione della scuola; perde il finanziamento di oltre 200.000 del Ministero e della Regione e, soprattutto rinuncia ad avere, a Matrignano, una scuola a noma antisismica.

L’obiettivo dei genitori, condiviso dal Pd, era ben altro: una scuola nuova, in linea con le ultime normative antisismiche nonché la certezza del mantenimento del plesso scolastico a Matrignano.

La Giunta Ghinelli, in realtà, ha messo una piccola pezza all’Aquilone perdendo anche consistenti finanziamenti.

Tutto questo al termine di un percorso amministrativo quanto meno criticabile. Aveva stanziato a bilancio 600.000 euro (di cui oltre 200.000 euro finanziati da Ministero e Regione e 400.000 euro derivanti dalla vendita di immobili comunali) per eseguire i lavori di "adeguamento" sismico. Poi ha dichiarato che l’intervento, previsto nel Piano Annuale dei Lavori Pubblici 2017 e messo a Bilancio, non era economicamente conveniente. Alcune domande: come mai questa tardiva consapevolezza e con quale criteri vengo iscritti a bilancio numeri e progetti?

Il Pd conferma la sua proposta, partendo dall’assunto della Giunta che, oggi, la scuola sia sicura:

progetto di demolizione e ricostruzione della scuola, gara dei lavori e appena pronti per iniziare, e solo in quel momento, trasferimento temporaneo dei bambini in altra sede per il tempo necessario per eseguire i lavori, da eseguire comunque dopo il giugno 2018”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno