Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:55 METEO:AREZZO15°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cosa ha detto Bonelli su Salis prima di ufficializzare la candidatura

Attualità martedì 25 ottobre 2022 ore 10:25

Pizzeria chiude per la "pandemia" del caro energia

Foto da Fb de La Querciolaia

Il locale aretino definisce proprio così l'aumento dei costi diventato insostenibile. E dopo aver resistito al Covid adesso deve spegnere le luci



SUBBIANO — I Comuni riducono gli orari di accensione dei riscaldamenti, tagliano sull'illuminazione pubblica, spengono prima i monumenti e anche le luci di Natale in vista delle festività. 
I cittadini cercano di risparmiare in ogni maniera. Su corrente elettrica, gas, termosifoni e auspicano che le alte temperature, rispetto alla fine di ottobre, degli ultimi giorni reggano. Fare i conti con le bollette a fine mese è, oggi come oggi, un flagello.

Stessa situazione per gli esercizi commerciali, le aziende, le attività artigianali. Dopo la crisi a causa della pandemia il caro energia ha dato un'altra mazzata difficile da sostenere per tutti.

Qualcuno non ha retto a questa nuovo stress economico ed ha deciso di chiudere i battenti. E' il caso del ristorante pizzeria la La Querciolaia che si trova a Ca' di Buffa, alle porte della città ma nel Comune di Subbiano.
Con un lungo post su Facebook, che riportiamo integralmente, il titolare ha spiegato la necessità di chiudere i battenti dalla domenica appena trascorsa "Abbiamo resistito alla pandemia del covid che ci ha chiusi dopo un mese dalla nostra apertura. Abbiamo lottato e ci siamo ripresi, con fatica e soprattutto tanta passione. Adesso una nuova 'pandemia' quella degli aumenti delle materie prime e delle bollette. Una pandemia che non ci sentiamo più di combattere. Ci abbiamo provato ma questa è davvero più forte di noi. Le spese sono troppo più alte dei nostri guadagni. In molti hanno alzato prezzi e tagliato sulla qualità. Noi invece, ci sentiamo di dire basta. Con tanto dispiacere e con tanta tristezza vi salutiamo e ci arrendiamo. Domenica 23 ottobre sarà la nostra ultima giornata di lavoro. Un Lavoro in cui abbiamo messo il nostro tempo e il nostro impegno ma soprattutto il cuore, l'amore e la passione. In questi anni abbiamo conosciuto nuove persone fantastiche che faranno sempre parte dei nostri ricordi e vogliamo ringraziare tutti per il sostegno dato e per le belle parole spese dopo aver mangiato da noi. Sarà un arrivederci? Forse, in tempi migliori. Per adesso vi salutiamo. Ci mancherete tutti".

Claudia Martini
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno