Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:40 METEO:AREZZO10°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Zingaretti: «Ho scoperto di avere un neo che era un tumore maliglio. Mi sono salvato grazie alla prevenzione»

Politica giovedì 22 dicembre 2022 ore 18:15

Con il 2023 grandi opere e maxi cantieri in città

Nell'ultimo Consiglio dell'anno la variazione al piano triennale dei lavori pubblici. Novità su Castelsecco. Opposizione all'attacco sulle buche



AREZZO — Ultimo consiglio comunale del 2022 con al centro anche la variazione al piano triennale delle opere pubbliche proposta dall’assessore Alessandro Casi che va a incidere sull’annualità 2025 quando sono inseriti il restauro del bastione di San Bernardo, interventi di adeguamento strutturale sul patrimonio edilizio scolastico e 850.000 euro per la manutenzione ordinaria delle strade

“Ricordo che siamo alle prese con le scadenze urgenti dettate dal Pnrr e annuncio con soddisfazione che entro il 31 dicembre prossimo riusciremo a iniziare l’iter di affidamento dei lavori per 4 interventi importanti: nido Colombo, area Baldaccio-Rossellino e mura storiche di via Fra Guittone, campo scuola, lotto 1 della palazzina Cadorna”.

Per il capogruppo di Scelgo Arezzo Marco Donati “occorrerebbero meno cose ma fatte bene mentre invece dobbiamo registrare pochi lavori messi a cantiere che vanno a rilento. Senza tornare alla querelle della rotonda di via Fiorentina, per la quale abbiamo chiesto una commissione d’inchiesta, o i mancati progetti di per la smart city, dobbiamo dire che sta per esaurirsi il credito concesso all’assessore”. 

Mentre, a giudizio di Giovanni Donati (Pd) “ci aspettavamo di più per l’ammodernamento delle strutture sportive”, per Donato Caporali (Pd) le frazioni vengono trascurate con casi critici come il ponte alla Chiassa Superiore da mettere in sicurezza. Per Francesco Romizi (Arezzo 2020) la vera questione sono “i tempi certi che sono legati all’assegnazione dei fondi del Pnrr. Se non marciamo spediti, cosa che non accade, perdiamo le risorse”. Per Michele Menchetti (5 Stelle) “che ha chiesto anche chiarimenti su Castelsecco, le piantumazioni arboree inserite nel piano devono prevedere adeguate risorse anche la successiva irrigazione delle specie”. 

In ogni intervento delle opposizioni la sottolineatura è stata sulla condizione di strade e marciapiedi, diventata drammatica e poco edificabile come biglietto da visita della città.

Per quanto riguarda la maggioranza, Roberto Bardelli ha elencato una serie di problemi risolti e in via risoluzione, “la sicurezza idraulica di via Romana, la doppia canna del Baldaccio o ancora lo scalo merci di Indicatore”, mentre Roberto Cuccinello non vede carenza di cantieri: “registro anzi un giusto approccio dettato da realismo, procedendo con le opere che siamo certi di terminare per il 2026, anno di rendicontazione del Pnrr”.

Inoltre, rispondendo a Menchetti, l’assessore ha ricordato che “per Castelsecco è stato approvato il progetto di fattibilità per un primo intervento di messa in sicurezza delle mura. Anche per la Chiassa Superiore registriamo l’approvazione del progetto definitivo per la manutenzione del ponte attuale e lavoriamo per lo step successivo del progetto esecutivo”. 

La delibera è stata approvata con 19 voti favorevoli e 10 contrari.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno