Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:36 METEO:AREZZO13°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco i cani robot cinesi progettati per uccidere, il video sembra un film di fantascienza

Attualità venerdì 03 luglio 2020 ore 16:09

"Quattro milioni a disposizione delle aziende"

Giornata dell'Economia e ripartenza post Covid, tutti i numeri forniti dalla Camera di Commercio



AREZZO — "Una riorganizzazione strutturale, nuove strategie di mercato, interventi prioritari sul versante dell’innovazione per un cammino che comunque non si prospetta né facile né esente da ulteriori rischi derivanti da ritorni della pandemia e dai contesti internazionali. Per sostenere l’abnorme sforzo del sistema imprenditoriale la Camera di Commercio ha messo a disposizione per quest’anno, tra risorse straordinarie ed interventi ordinari, quasi 4 milioni di risorse, che abbiamo già iniziato a distribuire attraverso specifici bandi".

Sono le parole del presidente della Camera di Commercio di Arezzo e Siena, Massimo Guasconi, questa mattina in occasione della diciottesima Giornata dell'Economia. 

All’iniziativa ha collaborato anche la Banca d’Italia che ha partecipato con il Direttore della sede di Arezzo, Arturo Marletta e con Silvia Del Prete della sede di Firenze che ha presentato uno studio sull’andamento del credito alle imprese nella attuale crisi.

Per la Camera di Commercio sono intervenuti il Presidente Massimo Guasconi ed il Segretario Generale Marco Randellini che hanno presentato una dettagliata analisi sulle pesanti ripercussioni economiche causate dall’emergenza Covid 19 che hanno radicalmente ridisegnato le prospettive di sviluppo economico definite ad inizio anno ed introdotto problematiche impensabili fino a pochi mesi fa.

“Ma è soprattutto l’export- prosegue Guasconi - componente essenziale dell’economia provinciale, a destare le maggiori preoccupazioni. La chiusura completa delle attività nei mesi di marzo-aprile e la difficile ripresa delle attività nei mesi successivi incideranno purtroppo negativamente sul risultato finale del 2020 dopo un 2019 che aveva visto oltre 9,1 miliardi di Euro di prodotti esportati, con una crescita del 34,8% rispetto al 2018. Si tratta di preoccupazioni confermate dagli enti di ricerca economica. Secondo l’istituto di previsione Oxford Economics nel 2020 il commercio internazionale di beni subirà infatti un calo superiore al 9% in volume e per quanto concerne l’Italia, le stime di SACE-SIMEST indicano una contrazione delle esportazioni nazionali di circa il 10%. Ma l’elemento che maggiormente ci preoccupa è la mancanza di liquidità del nostro sistema imprenditoriale mentre, nello stesso periodo, è cresciuto in maniera rilevantissima il risparmio delle famiglie. La sfida che ci troviamo di fronte è riuscire a rimettere in circolo una parte importante di queste risorse sia per i consumi che per gli investimenti. Solo così potremmo realmente far ripartire la nostra economia e limitare il già cospicuo indebitamento nazionale. Lo dobbiamo alle nostre imprese e soprattutto alle future generazioni.

“Dai dati della demografia di impresa – sottolinea Marco Randellini, Segretario Generale dell’Ente - si può evidenziare come i primi cinque mesi dell’anno si chiudano con un saldo fra iscrizioni e cessazioni ampiamente negativo (-215 imprese) che, però, non è una diretta conseguenza della emergenza Covid: infatti il bilancio del bimestre aprile maggio è positivo per 15 imprese. Molto probabilmente le effettive ricadute della crisi in termini di mortalità d’impresa saranno valutabili solo nella seconda metà dell’anno, quando potrebbero manifestarsi a pieno le conseguenze del rallentamento produttivo e delle difficoltà finanziarie. L’emergenza Covid avrà però un impatto sicuro su gli indicatori occupazionali, nonostante il largo ricorso alla Cassa Integrazione ed al blocco dei licenziamenti. L’ISTAT ha stimato una flessione del 9,3% delle unità di lavoro equivalenti (ULA) che potrebbe mettere a rischio nel 2020 un numero di occupati che può variare da 1 a 1,5 milioni di occupati. Le ultime previsioni danno per il 2020 un tasso di disoccupazione del 7,8% che cresce al 23,5% fra i giovani. Si prevede poi una crescita da marzo a maggio di 880 mila inattivi”

“Una situazione difficile sul versante occupazionale -prosegue Marco Randellini- confermata anche dai dati delle ore di Cassa Integrazione Guadagni autorizzate: nel solo bimestre aprile maggio sono arrivate a circa 6,5 milioni in provincia di Arezzo, livelli di intervento superiori a quelli della gran parte delle concessioni complessive degli ultimi anni. Peraltro si tratta di dati incompleti in quanto non comprendenti gli interventi di sostegno effettuati per mezzo dei Fondi di solidarietà che, a livello regionale, sono quantificati per i primi cinque mesi dell’anno in quasi 35 milioni di ore. Per quanto concerne l’andamento dei settori, destano particolare preoccupazione il commercio, il turismo, i servizi alle imprese e i servizi alla persona che costituiscono quasi il 60% dell’intero tessuto imprenditoriale extragricolo. In provincia di Arezzo , per il 2020, è a rischio il 15% del valore aggiunto complessivo del terziario (800 milioni di perdita) , sono in bilico 5 mila posti di lavoro nel commercio ( 65.000 a livello regionale) e potrebbero sparire tra le 1.500 e le 2.500 imprese. Per tornare allo scenario macroeconomico, lo studio elaborato da Cerved per il sistema camerale ha delineato una serie di scenari possibili per il 2020: quello più penalizzante ipotizza, per il 2020 una riduzione del Pil del -12%, una riduzione dei consumi del -12,3 ed un tasso di disoccupazione che balza sopra al 12 %. Quello con le prospettive più positive prevede una riduzione del Pil del -8,2 %, una riduzione dei consumi del -7,8 ed un tasso di disoccupazione del 10,6%. Ovviamente l’auspicio è che siano questi i dati finali del 2020".

“Questa drammatica crisi - conclude Randellini - ha comunque dato luogo a dinamiche positive come ad esempio la spinta alla trasformazione digitale di imprese e PA, la sperimentazione di nuove modalità operative (smart working, video conferencing..). In alcuni casi l’emergenza ha portato ad uno straordinario aumento dell’attività aziendale come nel settore farmaceutico, dei dispositivi di sicurezza ed in quello informatico ed ha fornito un formidabile impulso al commercio elettronico, migliorando sensibilmente i risultati dei player già sul mercato e spingendo altre aziende verso questa modalità di vendita Nel campo della formazione sono state attivate in poche settimane nuove modalità di insegnamento che in condizioni diverse avrebbero richiesto anni. Infine i fondi europei potrebbero permettere un piano straordinario di investimenti in infrastrutture fisiche e tecnologiche in grado di ridare dinamicità ad un sistema economico già stagnante prima del Covid 19”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno