Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO19°38°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip

Attualità mercoledì 06 gennaio 2016 ore 10:00

Saldi partenza lenta, attese per il fine settimana

La prima giornata di saldi è partita con calma, la coincidenza del 5 gennaio con un giorno che non per tutti è di ferie ha rallentato lo sprint



AREZZO — Secondo la Confcommercio, i clienti delle prime ore sono classificabili come i più esperti in fatto di saldi. “Sanno cosa vogliono, entrano con richieste precise - dice Mantovani, presidente provinciale di Federmoda Confcommercio - Molti cercano capispalla, giubbotti, insomma quei capi che finora non avevano acquistato perché il grande freddo non si era mai sentito. Adesso, tra temperature più basse e richiamo degli sconti, la necessità dell’acquisto si fa sentire di più”.

Vale così anche per le calzature: “La stagione normale è stata piuttosto deludente, a Natale ci siamo mantenuti ai livelli dello scorso anno ma dai saldi ci aspettiamo qualcosa di più – dicono alcuni commercianti - L’avvio è stato un po’ fiacco ma succede sempre quando la data di apertura dei saldi non coincide con il sabato. Vedremo nei prossimi giorni. Certo che i saldi così anticipati compromettono un po’ gli affari natalizi, a chi come noi non vende articoli da regalo”.

La percentuale media degli sconti è partita già alta, dal 30 al 50%, per cui i consumatori hanno molte occasioni per fare buoni affari. A patto, però, di cercare di negozio in negozio e, qualche volta, di accontentarsi. Se infatti qualche operatore ha ancora scorte a sufficienza per esaudire tutte, o quasi, le richieste dei clienti in materia di taglie, modelli e colori, altri hanno quasi terminato i prodotti di stagione.

Ad incidere positivamente sulle vendite di fine stagione potrebbe essere anche la presenza di turisti: “Qualcuno in giro si vede ancora, sia in città sia nei centri principali delle vallate, ma dopo la Befana la loro presenza si farà più rarefatta almeno nei prossimi due mesi”, dicono dalla Confcommercio. Così, se sui saldi estivi i turisti hanno spesso l’ultima parola almeno nelle città più grandi, a decretare le sorti dei saldi invernali 2016 saranno forse solo i residenti della provincia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno