Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:AREZZO19°33°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Scontro in diretta tv tra Cecchi Paone e Cremaschi: «Intollerante e fascista»
Scontro in diretta tv tra Cecchi Paone e Cremaschi: «Intollerante e fascista»

Attualità lunedì 12 ottobre 2020 ore 08:00

Sant'Andrea in festa per le nuove scuderie

Successo dell'inaugurazione e del Saracino di Peneto vinto da Tommaso Marmorini in sella a Conte



AREZZO — E' andata alla grande alle scuderie Franco Ricci di Porta Sant’Andrea. Sabato si è svolta la cerimonia del taglio del nastro, che si è tenuta davanti al nuovo ingresso che riproduce lo sbocco di via Borgunto, ed ha visto la presenza di tantissimi soci e quartieristi bianco verdi, con in testa il consiglio direttivo capeggiato dal rettore Maurizio Carboni e dal capitano Mauro Dionigi, insieme ai giostratori e a tutto lo staff tecnico.

A rendere omaggio al grande lavoro del Quartiere di via delle Gagliarde tanti uomini di Giostra e figure istituzionali: l’ex Assessore alla Giostra Gianfrancesco Gamurrini, il rettore di Porta del Foro Roberto Felici, la responsabile dell’Ufficio Giostra Rossella Capocasale, la presidente del Consiglio di Giostra Martina Municchi, i vice maestri di Campo Carlo Umberto Salvicchi e Gabriele Veneri, l’ex giostratore Mario Capacci e il maestro intagliatore Francesco Conti, autore della nuova targa posta all’ingresso del campo prova. Una visita speciale è arrivata anche dalla città di Faenza, con una delegazione di consiglieri del Rione Rosso, capeggiati dal Capitano Gian Luca Mainetti, che ha regalato al Quartiere una targa in ceramica nel segno dell’antica amicizia nata nel nome di Franco Ricci.

Dopo la benedizione impartita dal parroco di Staggiano Padre Giovanni e l’inno Terra d’Arezzo eseguito magistralmente dal trombettiere Edo Bonucci, storica chiarina degli Sbandieratori e Bersagliere, si è svolto il pranzo sulla lizza che ha visto quasi cento commensali a tavola; in questa occasione è stato letto il pensiero del Capo Rione Gianluca Maiardi rivolto a tutto il popolo Bianco Verde, riportato in una lettera.

Grande emozione per l’entrata in piazza del Gruppo Musici che ha scandito il passo sulla lizza al suono del “Monci”, il celebre brano che segna l’avvio della Giostra in piazza Grande. I ragazzi del presidente Mauro Nappini hanno eseguito i migliori brani del repertorio giostresco, tra cui Terra d’Arezzo, regalando il sogno a tanti piccoli quartieristi bianco verdi di simulare la sfilata in piazza al rullo dei tamburi e lo squillo delle chiarine.

La giornata si è chiusa con la tredicesima edizione del Saracino di Peneto, vinta dal talentuoso Tommaso Marmorini in sella a Conte.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno