Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:50 METEO:AREZZO19°38°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 22 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pescatore recupera in mare il bagaglio smarrito dalla compagnia navale in crociera, lei disperata: «È tutto rovinato dall'acqua salata»
Pescatore recupera in mare il bagaglio smarrito dalla compagnia navale in crociera, lei disperata: «È tutto rovinato dall'acqua salata»

Attualità mercoledì 04 novembre 2020 ore 11:16

Screening di massa, appello di Ghinelli ai medici

Il sindaco vuol testare tutti gli aretini. Il Comune compra il materiale, le farmacie mettono a disposizione i loro locali ma manca chi legge l'esame



AREZZO — La curva del contagio ad Arezzo continua a salire e prima di prendere decisioni che non vorrebbe mai assumere, Ghinelli le prova di tutte. Come già preannunciato è intenzionato a testare più aretini possibile. Per fare questo ha già stanziato risorse per acquistare test e tamponi, ha sollecitato la Regione affinché venga consentito alle farmacie di eseguire gli esami A questo punto, però, manca chi legge il test. Il sindaco sa bene che i medici dell'ospedale e di famiglia sono al "collasso", con orari di lavori talvolta "disumani".

Ma occorre personale qualificato in grado di leggere e refertare l'esame. Così Alessandro Ghinelli prende carta e penna e scrive a tutti i medici aretini, anche ai pensionati ancora attivi e ai neolaureati. L'obiettivo è testare il maggior numero di aretini, magari tutti, e porre un freno alla diffusione del contagio.

Ecco il testo integrale della lettera del sindaco Alessandro Ghinelli.

Arezzo, come tutta Italia e come tutto il mondo, sta attraversando un momento molto difficile a causa della emergenza sanitaria. Una emergenza che, in questa seconda ondata, rischia di avere esiti addirittura più drammatici rispetto alla prima fase. Dobbiamo reagire perchè questa Città non può fermarsi di nuovo, è prioritario scongiurare nuove serrate che inginocchierebbero il tessuto economico e produttivo, in alcuni casi anche in maniera irreversibile. Per cercare di evitare che il contagio continui “a camminare”, noi dobbiamo mappare la popolazione, fare screening diffusi, “fermare” i positivi asintomatici perchè possano non diffondere – ovviamente senza colpa alcuna - il virus. Solo prevenendo possiamo farcela: è molto tempo che lo sostengo, così come avevo sostenuto che l'estate avrebbe dovuto essere la stagione dello “screening nazionale”. Oggi saremmo forse in una situazione migliore; tuttavia se nulla posso per dare avvio allo “screening nazionale”, posso avviare uno screening aretino di massa. Di questo ho già parlato con Asl con l'Ordine dei Medici e di questo parlerò alla prossima riunione della task force aretina anti Covid-19 che ho convocato per i prossimi giorni e che vorrei allargare ad altre importanti realtà operanti nel settore sanitario. Il Comune è disponibile ad investire risorse per comprare test seriologici e tamponi molecolari, è disponibile ad ogni sforzo organizzativo, è disponibile a mettere il proprio personale a sostegno della macchina operativa, ha sollecitato la Regione Toscana a fare come l'Emilia Romagna e l'Umbria permettendo alle farmacie, “luoghi” di prossimità impagabili e capillari, di poter essere sedi per i test seriologici. Ma servono medici che possano refertare i tamponi e quindi diagnosticare i test che siamo in condizione di fare. Senza la massiccia presenza dei medici ogni sforzo economico e organizzativo sarebbe inutile, ed è per questo che mi appello a tutti i medici della Città e del territorio perchè diano la loro disponibilità. Mi rendo conto che i medici ospedalieri e i medici di famiglia sono già sotto stress e voglio ringraziarli pubblicamente per il grande lavoro che hanno fatto, fanno e faranno. Ma se, accanto e oltre a loro, vi fosse la disponibilità di molti altri medici, dai neolaureati iscritti all'ordine, ai pensionati ancora attivi, noi potremo contare su un “contingente” importante e forse anche imponente di medici che darebbe ad Arezzo questa opportunità. La mia Città, la nostra Città, ha sempre trovato nei momenti difficili strade “nuove”, caparbie e generose e conto davvero che anche in questa occasione Arezzo possa dare un segnale grande e importante. Conosco tanti medici aretini e so che non “fanno” i medici, ma “sono” medici e so che se potranno risponderanno a questo appello. Da Sindaco di Arezzo, non solo ci conto, ma ci credo. 

Chi vorrà aderire potrà mandare una mail a sindaco@comune.arezzo.it, oppure telefonare allo 0575.377603.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno