Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:29 METEO:AREZZO13°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
California, lo spettacolo degli arcobaleni lunari tra le cascate dello Yosemite

Attualità venerdì 09 luglio 2021 ore 14:24

Arezzo città modello per l'accoglienza inclusiva

Percorso di inclusione e autonomia per ragazzi speciali. Un grazie alle professoresse Barbara Falcone e Luana Bartolommei dell’Itis



AREZZO — Il Comune di Arezzo ha patrocinato un progetto che ha tra gli obiettivi lo sviluppo delle competenze sociali e relazionali dei ragazzi disabili. Si articolerà su cinque uscite guidate nel territorio, visitandone le bellezze e imparando alcune nozioni fondamentali per l'inclusione, come l'uso dei mezzi pubblici e dei sistemi di pagamento.

“Vogliamo dunque offrire a un gruppo di studenti disabili dell’Itis Galileo Galilei nuove opportunità ed esperienze di crescita individuale attraverso incontri organizzati al di fuori dell’ambito scolastico – ha spiegato il vicesindaco di Arezzo Lucia Tanti - questo progetto, che è stato possibile grazie al Decreto Sostegni e grazie all’impegno dell'Itis e in particolare delle professoresse Barbara Falcone e Luana Bartolommei, rappresenta per il Comune di Arezzo una proposta sperimentale intorno alla quale lavoreremo e investiremo nel futuro”.

Le cinque uscite saranno articolate a partire da un primo appuntamento nella città capoluogo. Arezzo: ti porto in città. Tour e visita ai maggiori luoghi di interesse artistico. Sosta in un bar cittadino per la colazione. Visita alla città etrusca di Cortona e al Maec. Uso del treno e dell’autobus per gli spostamenti; colazione e pranzo con pagamento in autonomia. Stia, Canto alla rana: giornata con picnic e organizzazione di giochi all’aperto. Uso del treno per gli spostamenti. Trekking cittadino: passeggiata per la città con soste in aree verdi, al Prato e alla fortezza medicea. Colazione in un bar cittadino. Attività didattica e visita al Museo della Comunicazione.

“Accanto a ogni progetto specifico – conclude il vicesindaco – l’intento di carattere generale resta la volontà di rafforzare una pluralità di azioni che possano fare di Arezzo una città modello di inclusione e di politiche per la vita indipendente grazie proprio alle bellezze e alle opportunità che offre. Sarà sempre più forte la sinergia tra cultura, turismo e coesione sociale con nuove azioni di inclusione che facciano sintesi con tutta la città”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno