Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:30 METEO:AREZZO20°35°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 20 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L'abbraccio tra Schwazer e i suoi figli dopo la gara è commovente
L'abbraccio tra Schwazer e i suoi figli dopo la gara è commovente

Cronaca venerdì 14 giugno 2024 ore 17:47

​Truffe agli anziani: ancora sequestro di preziosi

​Truffe agli anziani: ancora un sequestro di preziosi e una denuncia in provincia di Arezzo



AREZZO — La Polizia di Stato di Arezzo ha recuperato numerosi monili in oro giallo e denaro contante per oltre 2000 euro, frutto di 2 distinte truffe a persone anziane, consumate in provincia di Modena.

Uno di questi malfattori, responsabile di questi ignobili reati, un cittadino italiano di 50 anni, è stato intercettato, ieri sera, in Autostrada del Sole dai poliziotti della Polizia Stradale di Battifolle.

A lui, denunciato a piede libero, sono stati sequestrati preziosi per un valore economico di oltre 30.000 euro – oltre al valore affettivo inestimabile per le persone truffate - poi restituiti ai proprietari.

Anche questa volta il teatrino messo in piedi da questi ignobili individui, ha seguito il solito canovaccio: una telefonata e la minaccia che i figli sarebbero andati in galera se non fosse stata pagata somma di denaro a una persona che di lì a poco si sarebbe presentata a casa.

E anche questa volta le attenzioni degli investigatori, non si fermeranno a lui, ma proseguiranno fino all’identificazione degli altri componenti della banda perché, questo è certo, per questi raggiri è necessaria la partecipazione di numerosi soggetti ognuno con un preciso ruolo.

A margine, va raccontato un episodio curioso avvenuto durante le ricerche dell’auto utilizzata dai truffatori.

Un’altra pattuglia della Polstrada di Battifolle, sempre in servizio in autostrada, ha intercettato una potente Audi RS3 Sportback e, ritenendo possibile che si trattasse dei malviventi ricercati, si è posta al suo inseguimento riuscendo, non senza difficoltà, a fermarla dopo alcuni chilometri.

Alla guida, un italiano appena trentenne che, riguardo alle truffe non c’entrava nulla ma, in compenso, aveva alterato le targhe d’immatricolazione del veicolo modificando la prima lettera, “F”, in “E” con un pennarello nero indelebile.

In tale maniera poteva correre quanto gli pareva, in spregio alla vita propria e soprattutto a quella altrui, e commettere tutte le infrazioni che voleva certo che nessuno lo avrebbe mai identificato.

Gli è andata male, le targhe sono state sequestrate e lui è stato denunciato all’A.G. e, visto che l’auto era rimasta senza targhe, ha dovuto trovare un passaggio per tornarsene a casa perché la sua auto è stata portata via da un carro attrezzi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno