Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:AREZZO13°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
A Kiev, tra le bandierine ai caduti e l’appello agi alleati: «Mandate armi e munizioni»

Attualità mercoledì 21 ottobre 2020 ore 08:00

Vingone e cavi elettrici a rischio per l'alianto

Una pianta infestante che ha necessitato di un intervento importante dal parte del Consorzio 2 Alto Valdarno in località Gragnone



AREZZO — Attecchisce ovunque, cresce e infesta tutto ciò che trova. E' l'alianto che ad Arezzo, in località Gragnone, aveva raggiunto altezze smisurate e preoccupanti, lungo la strada che costeggia il Vingone all’altezza della “botteghina”. 

L’interferenza con le linee aeree gestite da Enel è stata segnalata da Federico Scapecchi al Consorzio 2 Alto Valdarno. Carta e penna alla mano, il consigliere comunale, in rappresentanza dei cittadini della zona, ha evidenziato la situazione di potenziale pericolo. 

Il sopralluogo ha confermato la necessità dell’intervento: i tecnici dell’ente, con i colleghi del Genio Civile Valdarno Superiore, hanno condiviso l’urgenza di procedere alla rimozione delle alberature dal tronco sproporzionato e fragile per mettere in sicurezza la zona, contro il rischio black out e contro la possibile ostruzione del corso d’acqua in caso di caduta o crollo dei fusti.

Qualche giorno fa l’operazione, sulla sponda destra del torrente, è stata eseguita con molte precauzioni per evitare di diffondere nell’ambiente elementi capaci di favorire lo sviluppo e la diffusione dell’”albero del paradiso”.

“Il nome non deve trarre in inganno – spiega l’ingegnere Beatrice Lanusini, referente del settore difesa idrogeologica del Consorzio di Bonifica in territorio aretino, che, con la collega Giulia Pierozzi ha seguito i lavori - Di fatto si tratta di una pianta infestante, invasiva e fortemente competitiva che sta colonizzando sempre nuove aree del territorio, con un forte e pesante impatto sull’habitat naturale. Eliminarla è difficilissimo. Il nostro compito perciò non si è esaurito con l’abbattimento. Dovremo tenere sotto controllo l’area, organizzare sopralluoghi trimestrali e prevedere periodiche manutenzioni per evitare a questa specie di svilupparsi in modo eccessivo, a minaccia della sicurezza idraulica e delle persone”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno