Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:56 METEO:AREZZO13°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Attualità martedì 14 settembre 2021 ore 16:05

Vola l'Export aretino, in 6 mesi 5,3miliardi

I Metalli preziosi sono al primo posto. Bene anche oreficeria e gioielleria. Rallenta la moda. Emirati Arabi e Hong Kong i mercati più "attivi"



AREZZO — Finalmente una buona notizia in chiave economica. L'export aretino viaggia a gonfie vele.
In base a quanto pubblicato dall'ISTAT, le aziende della provincia che vendono all'estero si sono assestate a più 5, 3 miliardi di euro di fatturato nel corso del primo semestre dell'anno. 

Il dato aretino è il 14esimo a livello nazionale e secondo, dietro a Firenze, per quanto riguarda la Toscana.

Il fatturato estero delle imprese aretine, nei primi sei mesi dell'anno, - evidenzia Marco Randellini, Segretario Generale della Camera di Commercio – non solo ha recuperato abbondantemente quello che aveva perso nel corso del primo semestre 2020 (+14,4%), ma ha fatto anche meglio di quanto registrato nello stesso periodo del 2019 (+31,9%). La provincia di Arezzo conferma quindi la sua vocazione all’export con una quota del 2,1% sul totale delle esportazioni italiane.”

Come sempre, la principale voce dell'export, i metalli preziosi, influenza fortemente l'andamento complessivo della provincia: nella prima metà del 2021 le esportazioni si sono attestate a oltre 2,85 miliardi di euro, sostanzialmente in linea con il dato dello scorso anno (-0,5%) ma ben al di sopra del livello pre-pandemia (+76,5%).

Il prezzo dell'oro in questo caso ha giocato un ruolo tutto sommato trascurabile nell’ultimo anno (+0,2%), ma non altrettanto nel confronto con il 2019 (+29,6%).

Il comparto della gioielleria e oreficeria con una rilevante crescita di circa il 111% non solo recupera le pesanti perdite subite lo scorso anno (-46,5%) ma si porta di un 12,8% oltre il valore fatto registrare nel 2019. Considerando, però, la variazione del prezzo dell’oro, probabilmente potrebbero non essere stati completamente recuperati i livelli pre-pandemia.

Esportazioni CM321 -Gioielleria, bigiotteria e articoli connessi; pietre preziose lavorate (CM3212 per Italia).

Principali Mercati di riferimento per Arezzo – Totale Italia e singoli distretti

Analizzando i principali mercati di riferimento dell’export orafo aretino, si consolidano i segnali di ripresa del primo mercato di sbocco, gli Emirati Arabi Uniti: +150,7% nell’ultimo anno e +12,1% nel biennio, ed è molto vivace la ripresa del mercato statunitense: +162,6% nell’ultimo anno e +92,7% nel biennio.

Il comparto della moda nel secondo trimestre (-24,5%) interrompe il percorso di recupero avviato nella seconda parte del 2020 e proseguito anche nel primo trimestre del 2021, chiudendo il semestre sostanzialmente sugli stessi livelli del 2020 (+0,4%), ancora lontano dai livelli precedenti la pandemia (-26,7%). La tendenza coinvolge praticamente tutte le specializzazioni produttive: tessile (+4,5% sul 2020 e -40% sul 2019), abbigliamento (+7,4% sul 2020 e -13,9% sul 2019), pelletteria (-10,1% sul 2020 e -29% sul 2019) e alle calzature (+2,5% sul 2020 e -40,7% sul 2019).

Fra le altre tipologie merceologiche, risultano in crescita agricoltura (+28,4% sul 2020 e -15,1% sul 2019), prodotti alimentari (+12,8% sul 2020 e +35,6% sul 2019), bevande (+14,1% sul 2020 e +8,9% sul 2019), prodotti chimici (+8,2% sul 2020 e +27,7% sul 2019), altri prodotti della lavorazione dei minerali non metalliferi (+151,6% sul 2020 e -5,1% sul 2019), prodotti in metallo (+33,1% sul 2020 e -8,4% sul 2019), macchinari (+39,5% sul 2020 e +8,6% sul 2019), autoveicoli e mezzi di trasporto (+53,3% sul 2020 e +6,5% sul 2019), mobili (+59,2% sul 2020 e -11,3% sul 2019), prodotti dell’attività di trattamento dei rifiuti (+8,6% sul 2020 e +54,2% sul 2019).

Al contrario, sono in flessione legno e prodotti in legno (-11,2% sul 2020 e -26,1% sul 2019), prodotti farmaceutici (-35,5% sul 2020 e -17,8% sul 2019), articoli in gomma e materie plastiche (-1,1% sul 2020 e -7,9% sul 2019), elettronica ed elettromedicale (-7,8% sul 2020 e -12,7% sul 2019), apparecchiature elettriche (-21% sul 2020 e -31,6% sul 2019).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno