Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO11°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Matteotti, 100 anni dopo - La morte di Matteotti e l'inizio della dittatura violenta di Mussolini

Attualità martedì 17 gennaio 2023 ore 11:10

Bosco Fratino, ad Arezzo 500 nuovi alberi

Presentato il progetto di piantumazione nell’area dell’impianto di recupero integrale a San Zeno, tra polo tecnologico e Sentiero della Bonifica



AREZZO — Si chiamerà “Bosco Fratino”, per celebrare uno dei parchi naturali più belli del mondo, la Riserva Integrale di Sasso Fratino del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, e nel primo step della sua realizzazione vedrà la piantumazione entro questa primavera di 500 alberi a medio ed alto fusto su una superficie di circa 5.000 metri quadrati, in un’area compresa tra il polo tecnologico e il Sentiero della Bonifica.

Un progetto che nasce dalla volontà aziendale di creare aree verdi ed alberate a disposizione di tutti e nel contempo catturare oltre 3 tonnellate di CO2 e produrre oltre 4,5 tonnellate di ossigeno annui, pari alla necessità di 20 persone; favorire la mitigazione ambientale di zona, rilevato che la differenza di temperatura fra una zona alberata e una no è di qualche grado; offrire a scuole e cittadini un nuovo luogo da visitare all’interno dell’impianto a recupero integrale “Zero Spreco”:

“Lo svago e la ricreazione sono lo scopo secondario - ha detto il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli. Lo scopo principale è, attraverso la piantumazione di una grande varietà di specie arboree, di catturare l’anidride carbonica. Si produce dunque ossigeno e si sottrae anidride carbonica e l’impronta netta di questo nuovo bosco è assolutamente negativa rispetto al sistema emissivo, a dimostrazione ancora una volta che Aisa Impianti si preoccupa in modo determinate delle questioni di tipo ambientale”.

“Questo primo step di 8 fornirà l’ossigeno necessario a soddisfare il fabbisogno annuo di 20 persone- ha detto il presidente di Aisa Impianti s.p.a Giacomo Cherici. Ma è solo l’inizio e si va anche nella direzione della mitigazione del microclima ambientale, della diminuzione della temperatura e anche della volontà di fare didattica per le scuole, che troveranno un vero percorso con pannelli informativi sulle specie arboree e le Foreste Casentinesi”.

Un vero “laboratorio vegetale” dunque dove attraverso le piante e illustrazioni in collaborazione con Coldiretti, scuole e cittadini potranno fare conoscenza con la natura, il compost di qualità, l’humus, le specie arboree del territorio ed altre piante mellifere, utili cioè alle api per produrre miele.

“A fine primavera avremo l’inaugurazione del Bosco Fratino, almeno di questa prima parte, a cui seguiranno a breve anche le altre”- ha detto Marzio Lasagni, direttore generale di Aisa Impianti s.p.a.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno