Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:AREZZO18°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Paura sull'autostrada: la grandine è così forte che rompe il parabrezza
Paura sull'autostrada: la grandine è così forte che rompe il parabrezza

Attualità mercoledì 07 settembre 2022 ore 11:46

Operai volanti per la sicurezza dell'Arno

Terminate le operazioni che con la tecnica del tree climbing hanno consentito la rimozione di alberi secchi e malati tra il basso Casentino e Arezzo



CASENTINO - AREZZO — Concluso lo spettacolare intervento degli operai volanti sull'Arno a Capolona si è concluso. In un suggestivo scorcio del fiume, accessibile solo attraverso una proprietà privata, si è svolta in quota la delicata operazione, studiata dal Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno.

Le alberature secche e malate, potenziali pericoli per il deflusso delle acque e per le opere idrauliche presenti, sono state rimosse con la tecnica del tree climbing.

Legati e imbracati, gli operatori sospesi sull’acqua sono rimasti in azione un’intera mattinata, per eliminare le piante precedentemente selezionate da un esperto.

"Abbiamo eliminato alcuni olmi soffocati dall’edera e colpiti da grafiosi, un fungo che attacca le alberature causandone un progressivo deperimento portandole alla morte ed esponendole a un elevato rischio di crollo" spiega il dottor Matteo Rillo del settore difesa idrogeologica del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno.

Molte delle piante cadute, infatti, si presentavano già scheletriche e senza vita.

“L'Arno in molti punti risulta inaccessibile – commenta la collega, ingegner Simona Cioli -. Ci sono aree impossibili da raggiungere con i mezzi meccanici e in qualche caso “difficili” anche a piedi. Come in questo caso dove si è reso necessario ricorrere all'intervento di operatori qualificati che hanno provveduto ai tagli dall’alto e al successivo recupero del legname, condotto sulla sponda opposta con un verricello per essere poi riportato sul piano di campagna con l’ausilio di un trattore. L’operazione rientra in un progetto di manutenzione ordinaria dell’Arno che interessa, oltre a Capolona, i comuni di Arezzo, Subbiano e Castel Focognano per un investimento complessivo che sfiora i 180 mila euro. Le manutenzioni sono programmate per eliminare potenziali ostacoli al deflusso idraulico, verificare lo stato di conservazione delle opere e individuare eventuali ulteriori necessità di ripristino”, conclude.

Un'operazione “sicurezza”, approvata dalla Regione Toscana, che viene organizzata annualmente dal Consorzio di Bonifica in tutto il comprensorio in collaborazione con I comuni e i cittadini che, come in questo caso, diventano involontari protagonisti: “Per l’esecuzione dei lavori abbiamo messo a disposizione del Consorzio i nostri terreni. E’ un piacere e un’utilità facilitare l’intervento – termina Mario Pistocchi che ha la casa affacciata sul fiume -. Perché le piante morte rappresentano un pericolo per tutti. E poi diciamolo, anche dal punto di vista estetico, queste lavorazioni ideate per la sicurezza, hanno un loro valore”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno