Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Festival Economia, la ministra per la Famiglia Roccella contestata. Lei: «C'è un'ostilità verso il mondo della maternità»

Attualità lunedì 13 marzo 2023 ore 18:00

Un'altra frana sui Mandrioli, strada chiusa

Il cedimento tra l'ex ristorante "Il Raggio" e le Tre Botti, a due chilometri dal valico. Ancora disagi per automobilisti e pendolari



PASSO DEI MANDRIOLI — “Ancora una grossa frana sul versante romagnolo, chiuso anche il versante toscano. Si va avanti con la politica delle toppe”, così il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia Gabriele Veneri, il referente Fdi per il Casentino Federico Dini e l’esponente di Fdi di Badia Prataglia Paola Romiti.

“Questa volta la frana si è verificata tra l’ex ristorante “Raggio” e le Tre Botti, a circa 2km dal valico. L’interruzione del Passo dei Mandrioli comporta per i pendolari ed automobilisti una difficile viabilità alternativa da Badia Prataglia ed il Casentino ci si deve spostare, facendo purtroppo una strada secondaria, a Pieve Santo Stefano, prendere la E45 e poi direzione Cesena, qualcuno fa anche la Firenze-Bologna - spiegano Veneri, Dini e Romiti - Tra Bagno di Romagna a Badia Prataglia ci sono 19 chilometri con circa 30 minuti di percorrenza, con questa frana si devono fare percorsi alternativi e si impiega anche un’ora e mezza, con la presenza della neve sulla strada anche due ore. 

Si tratta di frane cicliche che si riversano improvvisamente sulla carreggiata e mettono a grave rischio l'incolumità di automobilisti, motociclisti, ciclisti. La Provincia di Forlì Cesena ha sostenuto una spesa ingente per mettere delle reti di contenimento ma non sono state sufficienti visto che il terreno si muove sollecitato dai cambiamenti climatici”.

“Nel maggio 2022 come Fratelli d’Italia, rappresentanti toscani e romagnoli, manifestammo contro la pericolosità della strada: la carreggiata è stretta, mancano i guard rail l’asfalto è accidentato, pieno di cunette, ed il Passo dei Mandrioli è percorso da auto come dai camion, in particolare durante l’estate - spiegano Veneri, Dini e Romiti - L’arteria stradale, che collega il versante casentinese a quello romagnolo, ha una importante valenza sia a livello turistico che economico per i territori interessati. Torniamo a chiedere alle istituzioni regionali e provinciali della Emilia Romagna e della Toscana, tutte targate Pd, di prendersi la responsabilità di intervenire per mettere davvero in sicurezza la strada”.

La comunicazione dell'interruzione della viabilità è stata data, con un post Fb, anche dal Comune di Bagno di Romagna.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno