Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:AREZZO14°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 25 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Atleta iraniano di MMA prende a calci ragazza che non indossa il velo

Attualità venerdì 05 giugno 2015 ore 15:44

Crisi, crescono le richieste di aiuto

È stato presentato il IX "Rapporto diocesano sulle povertà". Aumenta la povertà tra i quarantenni italiani



AREZZO — Il documento fotografa, a un tempo, le accresciute difficoltà che hanno messo alla prova la nostra popolazione e l'impegno profuso dalla Caritas diocesana di Arezzo per venire incontro alle necessità di quanti hanno chiesto aiuto alla Chiesa, durante il 2014.

Lo scorso anno è ulteriormente cresciuto il numero di persone che a titolo personale, o esprimendo il disagio delle rispettive famiglie, si sono rivolte ai centri Caritas. Se nell'anno precedente erano 2241 gli interventi realizzati, con il Rapporto si dà ragione di 2335 richieste. In dissonanza con opinioni diffuse, i servizi offerti sono stati rivolti principalmente a italiani (32,9%).

Poi le nazionalità rilevate dai servizi della Caritas sono state: Romania 19,7%, Marocco 11,6%, Albania 9,9% e Nigeria 3,3%. Preoccupante è che la fascia d'età che manifesta il più largo bisogno sia quella fra i 40 e i 49 anni d'età.

Ancora una volta quest'anno, la mancanza di lavoro o la grave instabilità della propria condizione lavorativa ed economica è la causa principale del disagio, ma incidono anche problemi familiari, abitativi, di salute, dipendenze dal gioco e da sostanze. Contrariamente al pensiero comune solo lo 0,5% dei richiedenti aiuto ha problemi con la giustizia.

Nel 2014 sono stati serviti 35mila pasti e donate 20 tonnellate di generi alimentari. Nelle case d'accoglienza gestite dalla Caritas sono state ospitate 151 persone, tra cui alcune madri con minori, per tempi relativamente lunghi, mentre al centro di accoglienza di San Domenico, sono stati registrati 3135 pernotti a favore di 107 persone che hanno potuto lavarsi e dormire. 200mila euro infine, è la cifra erogata, tra interventi a fondo perduto e prestiti senza interessi a persone non bancabili.

Mentre cresce la domanda di persone che chiedono un aiuto, si amplia ulteriormente anche la rete di servizi sul territorio, con le Caritas parrocchiali arrivate a 41 unità sparse in tutto il territorio diocesano, mentre altre sono in formazione, e rese operative grazie al contributo di centinaia di volontari.



Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno