Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:06 METEO:AREZZO14°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 20 maggio 2024

— il Blog di

Europa vicina e lontana dal mio cuore

di - sabato 21 settembre 2019 ore 14:13

Quando ho appreso che il parlamento europeo ha votato, con il voto di tutto il pd, una risoluzione che di fatto equipara il nazifascimo con il comunismo, compresa l’epopea della liberazione, ho avuto un conato di vomito. Vergognatevi. Andate a rileggervi Primo Levi, racconta in “Se questo è un uomo “ quando vide apparire nella nebbia un soldato a cavallo con la stella rossa sul berretto scavalcare il reticolato di Auschivitz. Lasciò cadere la carriola che trasportava un cadavere e si tolse il berretto. Oppure andate , con la vostra pingue diaria, a rendere omaggio a Mosca alla tomba di quell’oscuro soldato dell’armata rossa che in un bellissimo giorno di maggio del 45 piantò la bandiera rossa sulle rovine dell’edificio più alto di Berlino. E infine, dopo aver reso omaggio anche agli alleati sbarcati in Normandia, fate un salto a Stalingrado , dove migliaia di ragazzi sono morti per la nostra libertà. Quella fu la tomba del nazismo e l’inizio della liberazione.

E pensare che mi chiamo Tito. Non a caso, ovviamente. Quando nacqui il babbo volle darmi proprio il nome del partigiano slavo che allora abitava l’immaginario di tutti i partigiani comunisti.Era il 1945, c’eravamo appena liberati dei nazisti e dei fascisti e Tito, nome di battaglia del mio babbo , non aveva ancora rotto con Stalin. Era l’unico capo comunista ad aver unificato il suo paese in una federazione di stati partendo da una grande prova di identità nazionale: la resistenza armata all’occupazione nazista. Il solo capace di stare in mezzo ai suoi partigiani e di dividere con loro ogni sacrificio.

Facile oggi dire che il comunismo è stato anche Stalin o il Muro di Berlino e tanto altro, lo abbiamo detto in tanti e senza fare sconti a nessuno, ( personalmente ho dedicato a questo un intero libro ) avete tutto il diritto di dare un giudizio critico ma potete dirlo solo dopo aver tolto il cappello in omaggio a quei venti milioni di morti e alla loro idea di libertà. E, soprattutto, come parlamentari europei , solenni ignoranti, studiando la storia vera di questa nostra Europa.