Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:29 METEO:AREZZO13°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
«La soia»: la versione originale (e simpatica) della hit sanremese di Angelina Mango

Lavoro mercoledì 08 luglio 2015 ore 16:04

Finte sagre fanno male al commercio

“Le finte sagre drenano clienti ai nostri locali. I Comuni decidano per un regolamento diverso o diminuiscano le imposte nei mesi estivi”.



AREZZO — A lanciare la proposta, quasi come una provocazione, è il presidente dell’Associazione Pizzerie Aretine di Confcommercio Renato Pancini.

“Va bene anche che i Comuni ci diminuiscano la quota di Tari, Tasi e altri tributi locali - prosegue Pancini - l’importante è che ci aiutino a bilanciare l’emorragia di clienti causata in questi mesi dal proliferare di sagre, feste paesane di ogni tipo ed eventi che prevedono la somministrazione parallela”.

Negli ultimi anni alcuni Comuni e la provincia stessa avevano cercato di stilare regolamenti più rigidi per selezionare le sagre riconosciute, perché nel calendario estivo di eventi del genere ce ne sono tantissimi. Molti ristoranti, denuncia Pancini aspettano i clienti a braccia conserte.

Sabato scorso nel mio locale ho fatto 30 coperti, dei 120 esistenti. Ho 10 dipendenti e le Riba in scadenza a fine mese. Eppure lavoriamo bene, la gente ci conosce e ci ama, quindi non è un problema del nostro locale. Il fatto è che il richiamo delle feste è alto, la gente pensa anche di spendere meno ma spesso non è vero e trova pure un servizio scadente”.

Il presidente dei Pizzaioli di Confcommercio ci tiene a precisare: “noi vogliamo una regolamentazione che salvi solo gli eventi che se lo meritano, come la sagra della bistecca di Cortona, virtuosa per tanti aspetti: si concentra in un prodotto soltanto, dura pochi giorni, tutela la gastronomia tipica e promuove il territorio richiamando tanta gente, con effetti che si fanno sentire anche nei locali”.

“Basta, però, con le feste che spuntano come funghi e servono solo a finanziare le attività di circoli privati o gruppi d’interesse. Sappiamo che è una questione politica impopolare da affrontare, soprattutto in un periodo in cui i Comuni non hanno fondi per supportare le associazioni e i gruppi sportivi”.

Renato Pancini in sostanza chiede: “o si prevedono sgravi fiscali e contributivi per pizzerie e ristoranti nel periodo estivo, o si regolamentano le sagre rivedendone durata, oggetto, tipicità, finalità. Così non può andare avanti. Le sagre sono una importante occasione di socializzazione ed i circoli un importantissimo (in alcune occasioni) presidio del territorio: ebbene quello che queste entità svolgono solo in tre mesi estivi noi lo svolgiamo tutto l’anno, e molte sere quello che incassiamo non ci basta a pagare le spese. Ci piacerebbe che le Amministrazioni aprissero un tavolo di confronto con la nostra categoria per ascoltare le nostre ragioni”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno