Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:17 METEO:AREZZO12°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Motoscafo si infila nel porto di Monte Carlo a tutta velocità, manca due passanti per un soffio

Attualità domenica 11 gennaio 2015 ore 12:37

Il ricordo di Fabrizio Meoni

A dieci anni di distanza dalla morte di Fabrizio Meoni, l'Amministrazione Comunale ricorda il centauro castiglionese con una nota del sindaco Agnelli



CASTIGLION FIORENTINO — "Sono passati 10 anni da quel drammatico giorno quando le emittenti televisive di tutto il mondo raccontavano l’incidente mortale - scrive il sindaco Mario Agnelli - Fabrizio Meoni, il centauro di Castiglion Fiorentino, nel corso dell’ undicesima tappa della ventisettesima edizione della Dakar, era caduto tra le dune della Mauritania perdendo la vita. Una tragedia per la famiglia e un dolore immenso per tutti gli amici, per i suoi fan, per tutte quelle persone che lo avevano seguito fin da piccolo, che lo avevano ammirato anche in silenzio. Tra questi ci sono senz'altro anch’io, e la mia passione per lo sport mi faceva ammirare di lui la sua tenacia, la sua caparbietà, il suo sacrificio e la sua forza di volontà nel perseguire un sogno: cavalcare una moto e arrivare a dominare il mondo - prosegue il sindaco - Non solo per i ritorni trionfali dalla Dakar, in Via Madonna del Rivaio, non per i fasti del successo, ma un ricordo indelebile nella mia mente è rimasta quella marcia sontuosa quando lo incontravo in mountain bike alle Comunanze: un saluto fugace, e inarrestabile lo vedevo procedere ad una velocità almeno doppia della mia. Era davvero irraggiungibile e una forza della natura. L’Equipe, giornale francese, lo ha definito Il gigante e lo spirito della Dakar. Per noi Castiglionesi -scrive ancora Agnelli - era questo e molto altro ancora. Era la persona che nonostante i successi lo trovavi sempre lì, nella sua officina, semmai a riparare quello o quell’altro motore oppure ad allenarsi come aveva sempre fatto in palestra o all'aperto. Era l’uomo umile che, se vuoi, arrossiva dopo qualche complimento. Era l’uomo, lo dico senza retorica, a cui forse ognuno di noi vorrebbe assomigliare. Era il Campione che ha anche dedicato il suo tempo a chi viveva in condizioni disagiate. Ha donato un pezzo del suo cuore all’Africa. Perché lui, gigante buono, non poteva essere felice se non aveva fatto qualcosa per quell' Africa che, a lui, diceva , aveva dato tanto. Questo era Fabrizio, un esempio straordinario di uomo umile e semplice dal cuore generoso. Ed oggi a distanza di 10 anni da quell'incidente maledetto, mi ritrovo qui a ripercorrere il ricordo di questo mio concittadino speciale nella veste di sindaco, con l'intento di trasmettere i sentimenti di affetto alla famiglia di Fabrizio da parte di tutta la Cittadinanza, ma anche con la consapevolezza che quest'uomo anche se non fa più parte di questa Terra, ha lasciato un segno forte e indelebile che non sarà certo il tempo a cancellare o attenuare. Rispettando lo stile sobrio che contraddistingue Fabrizio - conclude il sindaco - domenica 11 gennaio, verrà celebrata solo una Messa in suo ricordo nella Chiesa del Rivaio alle 18. Nel corso del 2015 sono previste però iniziative condivise con la famiglia che l Amministrazione Comunale intende portare avanti nel ricordo di Fabrizio”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno