Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:AREZZO10°22°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo «spoiler» di Emis Killa in un video sui social network: in arrivo un nuovo brano con Fedez

Cronaca mercoledì 11 marzo 2015 ore 16:31

"Non so dove è finita Guerrina"

Così avrebbe risposto, via Skype, padre Gratien Alabi ad un parente che dall'Africa gli chiedeva delucidazioni sul caso appreso da un articolo online



AREZZO — Il particolare, secondo quanto si è appreso, emergerebbe dall'esame dei quattro computer di Padre Gratien, il frate congolese indagato per la scomparsa lo scorso primo maggio di Guerrina Piscaglia da Ca Raffaello nell'aretino. 

La polizia postale ha infatti terminato la perizia consegnata oggi alla Procura di Arezzo che conduce le indagini. Stando a quanto emerso nei computer non sarebbe stato trovato alcun accesso a siti pedopornografici o pornografici ma solo una consultazione media di due ore al giorno di siti di informazione sui quali padre Gratien avrebbe letto molti articoli e lanci d'agenzia sul caso Piscaglia. Frequenti anche le conversazioni via mail e Skype con i parenti in Africa. In particolare, ad un parente che gli chiede spiegazioni circa la donna scomparsa domandando di un suo eventuale coinvolgimento, il frate avrebbe risposto di essere un uomo di fede, di aver conosciuto la donna ma di non averla mai toccata e soprattutto di non sapere niente circa la sua scomparsa. Dei quattro computer esaminati, i primi due, quelli più vecchi, sono risultati i più utilizzati mentre gli ultimi due, in particolare quello nuovissimo sequestrato lo scorso dicembre 2014, non sarebbe stato utilizzato con assiduità. Gli esami sono stati effettuati con sofisticate apparecchiature hi-tech in grado di visionare gli hard disk e il loro contenuto anche se cancellato. Adesso la perizia è nelle mani del pm Marco Dioni che sta portando avanti le indagini e che il 23 marzo attende il parroco di Ca Raffaello, padre Faustin, per l'incidente probatorio. Il religioso dovrebbe rientrare a giorni dall'Africa ma di lui, al momento, la procura non ha notizie.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno