Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO12°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 13 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Bossi: «Salvini? Serve andare verso un nuovo leader»

Attualità lunedì 21 settembre 2015 ore 17:28

Streetfood da record: “Grazie Arezzo”

In tre giorni oltre 60 mila presenze allo Streetfood, visite guidate nel centro storico e un convegno sulla rete internazionale del cibo di strada



AREZZO — “Grazie Arezzo” è quello che hanno detto lasciando la città gli operatori del cibo di strada che per tre giorni hanno contribuito al successo della sesta edizione dello Streetfood Village Arezzo, che ha fatto registrare oltre 60 mila presenze per il tutto esaurito.

Una festa, quella organizzata dall’associazione nazionale Streetfood nata proprio ad Arezzo, che ha riempito non solo il Prato della città con musica, cibo e persone, ma anche il resto del centro storico, visto che gli avventori del cibo di strada si sono riversati in piazze e vie per visitare la città, portando economia anche alle altre attività economiche di Arezzo.

«Siamo particolarmente felici di questa riuscita – spiega il presidente e fondatore di Streetfood, Massimiliano Ricciarni – e di questo dobbiamo ringraziare prima di tutto il pubblico, in primis i cittadini di Arezzo che come al solito hanno risposto in maniera positiva, ma anche la nuova amministrazione comunale che ha creduto in questa manifestazione fin dall’inizio e ha dato ancora fiducia alla nostra associazione, tra l’altro abbinandola in maniera perfetta a Transumando, creando così un traino l’uno per l’altro evento».

Streetfood Village non è stato soltanto cibo di strada, ma anche cultura, la sezione turismo dell’associazione ha infatti promosso nella giornata di domenica visite guidate per il centro storico che hanno riscosso un grande successo di iscrizioni, segno evidente che la manifestazione è un volano per il turismo della città.

Inoltre nel convegno di apertura promosso da Streetfood, il 18 settembre, sono state presentate le linee guida di un progetto di formazione per giovani aspiranti operatori di strada e anche il progetto della prima rete internazionale del cibo di strada al quale partecipa per l’Italia l’associazione nata ad Arezzo. «Il successo di questo evento è stato chiaro agli occhi di tutta la città – conclude Massimiliano Ricciarini – a riprova del fatto che Streetfood Village non è un banco di prova per altre manifestazioni, ma a nostro avviso un importante traino turistico, culturale ed economico per Arezzo, per questo speriamo il prossimo anno di tornare ancora più forti e entusiasmati».

In tre giorni quindi oltre 60 mila persone che hanno consumato oltre 5 quintali di patate tre mila piadine, poi ancora oltre mille arancine, 80 kg di Pane ca’ Meusa, 60 kg di panelle. E oltre un quintale di paella, 4 quintali di carne argentina, 2 quintale di pesce, 3 quintali di lampredotto. Dalla Puglia sono più di 5 i quintali di bombette. 40 kg di lime per i cocktail “on the road”. Dall’Abruzzo 9 mila arrosticini e per finire un migliaio di Panzerotti baresi e 2 quintali polipo per riempire le 800 Pucce salentine. 50 i kg di Pastin, piatto di strada bellunese. Il cibo greco, il fritto misto, la cucina siciliana e quella abruzzese e la piada romagnola sono stati tra i cibi più ambiti nel weekend assieme agli oltre 50 fusti di birra artigianale Streetfood che hanno accompagnato il resto.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno