Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:56 METEO:AREZZO13°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Attualità lunedì 08 febbraio 2016 ore 10:46

Etruria, i giudici si riservano sull'insolvenza

Il tribunale fallimentare si è riservato di decidere anche sull'incostituzionalità del decreto salva-banche del governo. Presidio dei risparmiatori



AREZZO — La sentenza su due delle questioni cruciali nella vicenda dell'istituto di credito aretino non si farà comunque attendere a lungo. "Si tratta di decisioni che saranno prese a breve - ha confermato il procuratore Roberto Rossi - Il tribunale ha chiesto a tutte le parti se volevano una decisione unica sia sull'eccezione di incostituzionalità sia sull'insolvenza e tutti hanno accettato la discussione congiunta e quella comune".

La richiesta di insolvenza della vecchia Banca Etruria è stata avanzata dal commissario di Santoni. I giudici si sono riservati di decidere anche sull'incostituzionalità del bail-in, il nuovo meccanismo entrato in vigore il primo gennaio 2016 che stabilisce che eventuali crisi bancarie non siano più risolte ricorrendo a fondi pubblici o delle banche centrali bensì riducendo il valore delle azioni e di alcuni crediti dell'istituto, come quelli dei correntisti che abbiano più di 100mila euro sul loro conto corrente. L'eccezione sull'incostituzionalità del bail in è stata avanzata dagli avvocati dall'ultimo presidente di Banca Etruria, Lorenzo Rosi. Michele Desario e Antonio Giunta. A loro avviso, il decreto salva-banche del governo Renzi, che è a monte dell'intervento su Banca Etruria, violerebbe l'articolo 3 (principio di eguaglianza) e l'articolo 47 (tutela del risparmio) della legge. Qualora l'eccezione venisse accolta, il processo dovrebbe essere interrotto in attesa di una pronuncia ad hoc della Consulta.

Prima e durante l'udienza, una trentina di obbligazionisti e risparmiatori di Banca Etruria hanno protestato davanti all'ingresso del tribunale civile. "Non votate più Pd, era meglio quello di prima, almeno si sapeva com'era" e "Restituiteci i nostri soldi" sono le frasi scandite in coro dai manifestanti davanti a vari cartelli contro il governo Renzi, Consob e Bankitalia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno