Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Valsabbia, frana la montagna. Gli operai riescono a salvarsi

Attualità sabato 22 aprile 2023 ore 18:55

Il caro pasta bolle nelle pentole toscane

spaghetti

In un anno i prezzi sono aumentati di oltre il +50%. Rincari alle stelle a Siena, Firenze e Pistoia e prezzi al chilo quasi ovunque sopra ai 2 euro



TOSCANA — Cosa bolle nelle pentole dei toscani? Il caro pasta, con un anno in cui la vertiginosa corsa dei prezzi ha portato rincari anche oltre il +50% specialmente nelle province di Siena, Firenze e Pistoia e quasi ovunque - fa eccezione la Lucchesia - prezzi al chilo superiore ai 2 euro.

I dati giungono da Assoutenti, che ha effettuato un viaggio fra le province italiane in cui i prezzi vengono monitorate scoprendo che in Toscana come altrove si fa sempre più fatica a buttare la pasta. Sì proprio la pasta, uno dei piatti iconici dell'Italia.

Magra consolazione: c'è chi sta peggio: è Ancona la città italiana in cui la pasta costa di più. Siena detiene l'amara palma nazionale dell'incremento annuo più consistente, mentre Cosenza è la provincia più economica.

I prezzi della pasta nelle province toscane monitorate

I prezzi della pasta nelle province toscane monitorate

"Se si confrontano i prezzi attuali con quelli in vigore a Marzo 2022 - è l'analisi Assoutenti - si scopre che i rincari più pesanti si registrano in diverse province della Toscana. Il record spetta a Siena, dove un chilo di pasta sale da una media di 1,37 euro al chilo dello scorso anno ai 2,17 euro di oggi, con un aumento del 58,4%. Incrementi superiori al 50% anche a Firenze (52,8%) e a Pistoia (51,8%).

Il tutto a fronte di un prezzo medio della pasta in Italia attualmente sui 2,13 euro al chilo, per un aumento medio del +25,3% rispetto allo scorso anno.

Tutto giustificato? Il presidente di Assoutenti Furio Truzzi avanza qualche perplessità: "Se lo scorso anno l’inizio del conflitto in Ucraina aveva provocato una tsunami sui mercati delle materie prime come grano, frumento, mais e cosi via, oggi la situazione appare diversa, con le quotazioni che, secondo Coldiretti, sono calate del 30% rispetto allo stesso periodo del 2022". 

"Va poi considerato - prosegue - che i prezzi del grano sono omogenei su tutto il territorio nazionale e si attestano attorno ai 38 centesimi di euro al chilo: non si capisce quindi la ragione di differenze dei listini al dettaglio della pasta così elevate tra le varie province". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno