Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:16 METEO:AREZZO14°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Raffiche di vento fortissime e l’aereo non riesce a atterrare

Attualità sabato 09 ottobre 2021 ore 16:15

Borse con bucce di mela, la moda “eco” dei ragazzi

Alcuni degli studenti coinvolti nel progetto eco
Alcuni degli studenti coinvolti nel progetto eco

Gli studenti dell’Isis Valdarno hanno creato abiti e accessori con materiali di scarto. La collezione “sostenibile” presentata al “Maker Faire Rome”



SAN GIOVANNI — Eleganti abiti da sera realizzati con materiali di scarto, borse alla moda create con la buccia delle mele; questi alcuni dei pezzi della “capsule collection” sostenibile presentata dall’indirizzo moda dell’Isis Valdarno di San Giovanni Valdarno in occasione della “Maker Faire Rome 2021” in corso nella capitale fino a domani.

Se pur in forma virtuale, anche quest’anno gli studenti e le studentesse dell’Istituto statale di istruzione superiore Valdarno partecipano alla manifestazione europea dedicata alla scienza, tecnologia e innovazione e lo fanno con un progetto che unisce alta moda e rispetto dell’ambiente dal titolo “Eco – La sostenibilità da indossare”.

Gli studenti valdarnesi hanno creato abiti, gonne, giacche e accessori interamente realizzati con fibre Bio-Based o filati 100% Second Life in una visione etica di Economia Circolare che coinvolge sia il prodotto che il consumatore e che mantiene i valori di “bellezza”, “creatività” e “originalità” che contraddistinguono il Made in Italy. Il lavoro di ricerca e di realizzazione si è svolto attraverso un’analisi attenta delle nuove prospettive del settore tessile nel campo della sostenibilità. Gli outfit sono stati realizzati con materiali certificati Gots "Global Organic Textile Standard" - Cotone- Bio, con fibre rinnovabili (Black Coffee, bamboo'- viscosa, menta e fibre di alghe), con fibre proteiche (crabyon e latte) e con fibre naturali come l'ortica-ramiè; per la realizzazione degli accessori sono stati utilizzati materiali 100% Second Life.

La classe coinvolta è la quarta dell’indirizzo Moda professionale “Industria e Artigianato per il Made in Italy” che ha sviluppato il progetto con il supporto dei docenti delle materie tecnico-professionali, approfondendo i temi sulla sostenibilità con ricerche e documentari. Gli studenti sono stati supportati nelle realizzazioni dai docenti Silvia Chialli Frangipani, Sebastiano D’Ammassa e  Valentina Teoli.

Il progetto ha notevolmente sensibilizzato gli studenti verso i temi della sostenibilità e del rispetto ambientale, attraverso l'applicazione in contesto reale e lavorativo delle teorie di riuso e riciclo.

Dietro la realizzazione di ogni abito è stata infatti effettuata una lunga ricerca sui materiali utilizzati e i vari processi di produzione; sono stati considerati fattori come impatto ambientale, caratteristiche delle fibre Bio-baset per la salute e i modelli di produzione etica.

Un progetto quello dei ragazzi dell’Isis Valdarno che ha destato l’interesse anche di Rai Radio1 che gli ha dedicato un podcast (disponibile da oggi collegandosi al link: https://tinyurl.com/2cw45bne)


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno