Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:26 METEO:AREZZO10°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Joe Biden: «Donald Trump è un dittatore, vuole vendetta»

Attualità venerdì 08 ottobre 2021 ore 11:00

Ampliamento discarica, si decide il 28 ottobre

La discarica di Podere Rota a Terranuova
La discarica di Podere Rota a Terranuova

Convocata la conferenza regionale dei servizi che si esprimerà sul potenziamento di Podere Rota per i rifiuti speciali. Vadi: “L’impianto va chiuso”



TERRANUOVA BRACCIOLINI — C’è la data: il 28 ottobre si riunirà la conferenza dei servizi della Regione Toscana che deciderà se autorizzare o meno l’ampliamento della discarica di Terranuova per i rifiuti speciali secondo quanto richiesto – esattamente un anno fa – da Csai, il gestore dell’impianto di smaltimento.

Lo ha reso noto, durante l’ultimo consiglio comunale, Valentina Vadi sindaco di San Giovanni comune capofila della protesta valdarnese contro il potenziamento di Podere Rota. Nella seduta consiliare del 30 settembre nelle comunicazioni iniziali Vadi ha fatto il punto sulla situazione ad un anno dall’avvio del Paur (il provvedimento autorizzativo unico regionale) richiesto per il progetto.

Ad oggi unica certezza è la data della conferenza dei servizi, mentre – ha sottolineato il primo cittadino sangiovannese – non ci sono novità o provvedimenti da parte della Regione Toscana in merito alla possibile contaminazione dell’area messa in evidenza dalle indagini Arpat di un anno fa.

“E’ del 24 settembre 2020 – ha dichiarato Vadi – il Rapporto di ispezione ambientale di Arpat Arezzo che ha messo in luce la condizione di potenziale contaminazione delle acque sotterranee del sito su cui sorge la discarica e rispetto alla quale non abbiamo ancora una risposta certa dalla Regione Toscana su di chi sia la responsabilità. Ad oggi, conosciamo la data in cui si riunirà la prima conferenza dei servizi, indetta per il prossimo 28 ottobre, nell’ambito della quale verrà deciso se autorizzare o non autorizzare l’ampliamento per il conferimento dei rifiuti speciali della discarica di Podere, come richiesto da Csai”.

Per San Giovanni la battaglia sul Paur sull’ampliamento per i rifiuti speciali rimane aperta.

Continueranno – ha concluso il sindaco Vadi – con determinazione, l’azione e l’impegno da parte nostra, come accaduto in questi 12 mesi, perché si chiuda, in via definitiva e anche per i rifiuti speciali la discarica di Podere Rota, un sito trentennale ed esteso per 5 milioni di metri cubi alle spalle del paesaggio delle Balze e a pochi metri, in linea d’aria, dall’abitato di San Giovanni Valdarno”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno