Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO10°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità lunedì 11 marzo 2024 ore 11:38

Nuova donazione Calcit all'Ospedale

Donazione Calcit all'Ospedale della Gruccia. A beneficiarne il reparto di Radioterapia del presidio ospedaliero



VALDARNO-AREZZO — Nuovi sistemi di posizionamento per i pazienti oncologici che devono sottoporsi a trattamenti di radioterapia. Sono quelli donati da Calcit Valdarno all'ospedale Santa Maria alla Gruccia, segnatamente al reparto di Radioterapia diretto dalla dottoressa Simona Borghesi. «Questi presidi aiutano ogni giorno i pazienti a mantenere il comfort e la posizione di immobilità durante le sedute di radioterapia – spiega la dr.ssa Simona Borghesi direttrice della Radioterapia - e ogni paziente, ogni tipo di tumore riceve oggi un trattamento personalizzato. Per ottenere la massima precisione nella cura del tumore è necessario consentire alle radiazioni di colpire sempre e solo l’area interessata risparmiando gli organi sani. Pertanto questi dispositivi sono fondamentali al conseguimento della finalità e ringrazio Calcit Valdarno per l'attenzione rivolta al nostro reparto».

«Il Calcit Valdarno è da sempre accanto ai pazienti oncologici – è il commento della dr.ssa Patrizia Bobini, direttrice Ospedale Santa Maria alla Gruccia – prima impegnandosi nel realizzare la Radioterapia presso l’Ospedale della Gruccia, e poi supportando negli anni, con grande attenzione e sensibilità, l’attività del reparto. Pertanto vorrei esprimere la più sincera gratitudine al Calcit Valdarno e alla generosità di tutta la popolazione Valdarnese. Questi ausili, fondamentali per i nostri pazienti, si aggiungono ad altre importanti donazioni: il "top" in carbonio per l’effettuazione delle TC di centraggio in stretta collaborazione con colleghi della Diagnostica per Immagini, e il sistema di dosimetria che consente di misurare le radiazioni per garantire la qualità del trattamento, e soprattutto per la sicurezza del paziente».

La radioterapia è oggi indicata in circa il 60% dei pazienti oncologici – conclude la dr.ssa Borghesi - e grazie a queste donazioni, all’impegno e alla dedizione quotidiani di tutta l’equipe del reparto, oggi la Radioterapia del Valdarno è un Centro in cui è stato possibile implementare trattamenti altamente sofisticati ad alta precisione e con meno effetti collaterali, come nei più grandi centri di Radioterapia italiani».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno