Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:35 METEO:AREZZO21°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L'arrivo di Trump alla convention repubblicana con l'orecchio bendato
L'arrivo di Trump alla convention repubblicana con l'orecchio bendato

Attualità giovedì 17 settembre 2020 ore 18:30

Progetto per il Pratomagno, c’è l’ok della Regione

Uno scorcio del Pratomagno
Uno scorcio del Pratomagno

Centomila euro per un piano “urgente e indifferibile” che valorizzi le risorse locali e il paesaggio. L’area va salvata dal decadimento economico



VALDARNO — Le risorse e le tradizionali attività del Pratomagno vanno tutelate, il paesaggio valorizzato e tutta l’area rilanciata perché non perda la propria identità. Per questo la Regione Toscana – nell’ultima seduta di giunta - ha dato l’ok al piano per i “Territori del Pratomagno”, uno dei sette cosiddetti ‘progetti di paesaggio’ toscani sottoposti al vaglio dell’ente che ne ha adottati solo due (Pratomagno, appunto, e Isola di Capraia).

Il progetto per la montagna che interessa il Valdarno superiore e il Casentino è stato considerato “urgente ed indifferibile” per rilanciare un’area che rischia un decadimento economico, lo spopolamento e la perdita della propria identità culturale.

L’adozione del progetto è il passo successivo al protocollo di intesa siglato due anni fa tra la Regione Toscana e l’Unione dei Comuni del Pratomagno, l’Unione dei Comuni montani del Casentino, e le amministrazioni municipali di Loro Ciuffenna (comune capofila), Terranuova Bracciolini, Castelfranco-Piandiscò, Castiglion Fibocchi, Reggello, Pelago, Montemignaio, Castel San Niccolò, Poppi, Ortignano Raggiolo, Castel Focognano e Talla.

A seguito di tale accordo fu stanziato un contributo economico ad hoc: “La Toscana – ricordano dalla Regione - ha assegnato un contributo di 100.000 euro per lo studio di fattibilità di un progetto finalizzato a valorizzare le risorse locali del Pratomagno ed in particolare la selvicoltura, la filiera del legno, le attività agricole ed artigianali, il sistema dell'accoglienza diffusa e dell'allevamento tradizionale, oltre a promuovere momenti di sensibilizzazione sui temi del paesaggio”.

Adesso la parola passa al consiglio regionale che dovrà pronunciarsi sulla proposta "Territori del Pratomagno" durante il dibattimento in aula.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno