Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:49 METEO:AREZZO14°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Dietro la «stanchezza» di Biden al G7

Attualità domenica 25 luglio 2021 ore 20:30

Valdarno, sotto sequestro resort di lusso

costruzione

Scatta il blitz a seguito di un’indagine della Procura di Arezzo: nel complesso edilizio tra Bucine e Laterina realizzate opere senza autorizzazione



VALDARNO — I Carabinieri avevano già fatto alcuni controlli – nel marzo scorso – e il Comune di Laterina-Pergine aveva già ordinato la demolizione di alcune costruzioni abusive. Ma i lavori sono andati avanti e altre opere sono state realizzate senza le necessarie autorizzazioni. E così qualche giorno fa è scattato il sequestro in via preventiva di varie porzioni di un resort di lusso in fase di realizzazione sulle colline valdarnesi, in un territorio a cavallo tra il Comune di Bucine e quello di Laterina-Pergine.

I Carabinieri forestali di Montevarchi in sinergia coi colleghi del gruppo ambiente della Procura di Arezzo hanno effettuato il sequestro convalidato dal Giudice per le indagini preliminari (gip) del Tribunale di Arezzo Giulia Soldini a seguito dell’indagine aperta dal pubblico ministero Laura Taddei relativa ad alcune opere svolte in un’area di oltre 175.000 metri quadri, opere – secondo gli accertamenti – sprovviste delle relative autorizzazioni edilizie e paesaggistiche. 

Tutto è iniziato qualche mese fa quando le autorità hanno verificato nell’area dove sorgerà il complesso di lusso ampliamenti degli edifici e l’allargamento di strade esistenti, interventi privi di autorizzazione.

La società proprietaria – spiegano gli inquirenti - “invece di interrompere i lavori e avviare le previste demolizioni proseguiva gli abusi e ne realizzava di nuovi (accertamenti eseguiti mediante l’impiego di droni) tant’è che nel corso dell'ispezione disposta dalla Procura di Arezzo il sequestro è intervenuto non solo nei confronti delle opere precedentemente accertate (addizioni volumetriche, archi decorativi, allargamento di due strade di oltre 400 metri di lunghezza e chiusura di una strada vicinale ad uso pubblico mediante un passo carraio in cemento) ma si è esteso anche ad una nuova e ulteriore strada con parcheggio e ad una pavimentatura in malta cementizia di recente realizzazione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno