Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
«Parkinson e cecità, mi lasciate in pace almeno quel giorno?»: il videomessaggio di Mollica e la reazione commossa degli amici vip

Cultura giovedì 23 luglio 2020 ore 09:35

I Visionari dettano le regole al Kilowatt

I "non addetti" ai lavori hanno valutato 370 proposte di spettacoli. Ecco cosa è venuto fuori



SANSEPOLCRO — Quarta giornata di Kilowatt Festival, all’insegna della Selezione dei Visionari: i 38 cittadini della Valtiberina, “spettatori-non-addetti-ai-lavori” che partecipano alle attività del festival, durante tutto l’anno hanno vagliato, una per una, 370 proposte di spettacoli e ne hanno scelte 8 da presentare al festival. Oggi verranno proposti i primi tre. 

Primo degli 8 spettacoli della selezione, alle 21, al Giardino del Teatro alla Misericordia, Piume della performer Elena Burani: un viaggio attraverso gli stati emotivi dell’attesa e della solitudine. Partiture di gesti prendono vita dentro il gioco del clown, creando dinamiche poetiche o grottesche, buffe o sublimi. I linguaggi del circo, della danza, del canto e del teatro si compenetrano per raccontare la fragilità umana.

Alle 21:45 al Chiostro San Francesco, in anteprima, Oriri di Bambula Project compagnia che nasce a Londra nel 2015 da Gabriella Catalano e Paolo Rosini e combina la danza con il teatro fisico, la poesia visuale, la fotografa, la video art. Lo spettacolo indaga il tema della nascita, come momento che definisce la partecipazione dell’individuo all’esistenza: un continuo processo che plasma nuove forme dell’umano, attraverso percezioni ed esperienze.

Il terzo spettacolo della giornata, della Selezione Visionari, è in programma alle 22:40 al Chiostro Santa Chiara, dove la Compagnia Pietribiasi Tedeschi, formata dalla coppia Cinzia Pietribiasi e Pierluigi Tedeschi mette in scena, in prima assoluta, Padre d’amore padre di fango. Lo spettacolo racconta una relazione a tre: figlia, padre, eroina. Una storia vera vissuta a Schio, cittadina operaia in provincia di Vicenza, sommersa dalla droga, negli anni ’80.

Si parla di visionari anche con www.kilowattfestival.it. Per gli spettacoli serali possibilità di live streaming in Piazza Garibaldi. Acquisto online dei biglietti su www.liveticket.it

Obbligatorio l’acquisto anticipato dei biglietti: online sul sito www.liveticket.it. Durante il festival sarà possibile comprare i biglietti a Palazzo Pretorio dalle 16 alle 23. Non sarà possibile comprare i biglietti nelle sedi di spettacolo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno