Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO17°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 20 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Scurati, Landini: «Oscurato monologo sul 25 Aprile, questo è regime»

Elezioni 2020 giovedì 03 settembre 2020 ore 14:57

​Arezzo 2020, tre azioni per la sanità

Incrementare le risposte sul territorio e riqualificare il San Donato sono tra le priorità indicate dalla lista di sinistra a sostegno di Ralli



AREZZO — Salvaguardare il servizio sanitario pubblico, incrementare le risposte territoriali, riqualificare il San Donato. Sono tre priorità che la lista “Arezzo 2020 per cambiare a sinistra”, anche alla luce dell'esperienza Covid.

Salvaguardare il servizio sanitario pubblico. “Con una certa periodicità si susseguono notizie su accordi e incrementi di attività sanitarie trasferite dal pubblico al privato. Le ultime, apparse sulla stampa poche settimane fa, riguardano una quota di posti letto per le cosiddette cure intermedie. Non si può accettare un progressivo passaggio alla gestione privata di importanti attività del servizio pubblico”, sottolineano gli esponenti della lista.

La seconda priorità riguarda l'incremento e la riorganizzazione dei servizi territoriali. “Si tratta di rafforzare un insieme di attività che vanno dalla prevenzione, alla medicina di base (medici di famiglia), all’assistenza domiciliare, alla riabilitazione, alla presa in carico dei pazienti con patologie croniche e invalidanti. Si è parlato di “Casa della salute”. Bene. Ma non può essere solo annunciata e soprattutto occorrerebbe un progetto pubblico e condiviso”.

Terza priorità: riqualificare l’ospedale San Donato “struttura specialistica di alto livello che deve avere un suo ruolo nell’ambito Asl e nell’ambito della provincia. La grande Asl, allontanando i punti decisionali dal territorio, non ne ha favorito la crescita. Ora si tratta di recuperare funzionalità, adeguare le dotazioni di personale, riorganizzare la struttura, sviluppare la tecnologia, valorizzare le competenze”. 

Un'azione coordinata che secondo gli esponenti di “Arezzo 2020” passa dall'apertura dell’ufficio di progettazione europea. “Comune e ASL dovranno promuovere un progetto complessivo su ospedale e territorio”. In sostanza la proposta riguarda “l'avvio della procedura per un Piano Sanitario Locale, condiviso da ASL e Comuni della zona. In questo contesto unmedico esperto e qualificato come Luciano Ralli da Sindaco sarà la migliore garanzia che la salute sarà al centro delle fondamentali scelte per Arezzo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno